Menu
I risparmi di Lotito consegnano la Lazio al Napoli maturo

I risparmi di Lotito consegnano la …

I risparmi di Maria Calze...

Serie A - La notte del Napoli - CLASSIFICA

Serie A - La notte del Napoli - CLA…

Gli azzurri vincono 4-1 i...

Danneggia tre volte una Chiesa cattolica e colleziona 5 denunce in cinque giorni. Picchia gli Agenti. Arrestato

Danneggia tre volte una Chiesa catt…

Roma, 19 settembre 2017 -...

News - Messico, oltre 150 le vittime del terremoto. Crollo di un collegio. Morti 20 bambini.  38 dispersi

News - Messico, oltre 150 le vittim…

(foto Ansa/Epa) Roma, 20...

Serie a - La VAR aiuta ancora l’Inter

Serie a - La VAR aiuta ancora l’Int…

Nell’anticipo del turno i...

Rischioso fare i conti senza l’oste

Rischioso fare i conti senza l’oste

Roma, 19 settembre 2017 -...

Cosa succede nella Capitale? Tedesca legata e violentata  nel parco di Villa Borghese. Terzo caso in tre giorni

Cosa succede nella Capitale? Tedesc…

Roma, 18 settembre 2017...

Serie A,  4a giornata 2017 - Prime fughe in serie A

Serie A, 4a giornata 2017 - Prime …

Roma, 17 settembre 2017...

Tenta di incendiare il portone del Comune. Indagini sulle motivazioni. Fermato

Tenta di incendiare il portone del …

Cesinali (AV) 17 settembr...

Racconti di sport. Voltati Eugenio

Racconti di sport. Voltati Eugenio

Roma, 17 settembre 2017  ...

Prev Next

Anche Franceschini ripropone la “barzelletta” sul ponte di Messina

ponte sullo strettoLa prima idea di costruire un ponte sullo stretto di Messina risale ai tempi delle guerre puniche, ossia a 250 anni prima della nascita di Gesù Cristo e proseguì, attraverso i secoli, fino all’impero di Carlo Magno e successivamente fino ai nostri giorni.
Dopo le promesse ad uso e consumo della propaganda elettorale di Berlusconi e di Renzi, l’ultima uscita, in ordine temporale, è stata quella del Ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini, il quale ci ha riproposto per l’ennesima volta, la solita “minestra riscaldata” che non piace più a nessuno.
Purtroppo passano gli anni, si avvicendano le generazioni ed i governi ipotizzano opere, certamente utili, di alta ingegneria avveniristica, ma poi le risorse non si trovano e non se ne fa più nulla.
Abbiamo sempre avuto (e continuiamo ad averla), molta stima e tanto rispetto per il titolare dei Beni Culturali, (erede naturale della “Balena Bianca”) sicuramente uno dei migliori dell’attuale governo Gentiloni, ma  nell’attuale contesto socio-economico, la “barzelletta” del ponte sullo stretto poteva e doveva risparmiarcela.
Come aggravante dell’improvvida battuta si segnala la circostanza del fatto che è stata fatta nel corso della riunione dell’importante Forum di Cernobbio dove generalmente intervengono capi di Stato e di Governo, massimi rappresentanti delle Istituzioni, premi Nobel, Manager  di tutto il mondo e così via.
Va sottolineato il fatto che  il ministro, accortosi di averla “sparata grossa” ha corretto il tiro precisando che le sue proposte erano strettamente personali e non decisioni del Governo, per cui ha fatto chiaramente capire che lui propone e l’esecutivo dispone.
Sulla necessità del ponte, che certamente favorirebbe lo sviluppo del turismo.  nessuna obiezione, ma contestualmente si dovrebbero modernizzare ed adeguare i collegamenti interni della Sicilia, dal momento che i vari centri dell’isola sono collegati tra loro  con ferrovie obsolete risalenti a più di un secolo fa.
Eppoi non si può dimenticare che  poco più di 10 anni fa  (2006) fu proprio il ministro Franceschini  che nel suo ruolo di capo-gruppo del PD alla  Camera, ha chiaramente detto che l’opera non rientrava nelle priorità del governo.
Senza contare che  non si è ancora del tutto spenta l’eco degli attacchi ai governi presieduti da Berlusconi proprio sulla  realizzazione di quest’opera, ritenuta, dagli oppositori dell’epoca, eccessivamente costosa e  senza la necessaria copertura finanziaria.
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...