Menu
"Guerra e pace - dall’Isonzo ai giorni nostri"

"Guerra e pace - dall’Isonzo a…

Legnano, 23 novembre 2017...

Champions League  -  Juve e Roma rimandate!

Champions League - Juve e Roma ri…

Roma, 22 novembre 2017 - ...

III Edizione del Premio Sicurezza

III Edizione del Premio Sicurezza

Roma, 22 novembre 2017 - ...

Dopo 76 anni, incontro telematico fra Giuseppe Palagi e Luigi Solinas, gli ultimi due Leoni Carabinieri Reali Paracadutisti, reduci della battaglia di Eluet El Asel del 1941. VIDEO AMPIA GALLERIA FOTOGRAFICA

Dopo 76 anni, incontro telematico f…

Cronaca di un evento orma...

Champions League. Il Napoli resta in corsa

Champions League. Il Napoli resta i…

Con un grande secondo tem...

Champions League. Il Napoli resta in corsa

Champions League. Il Napoli resta i…

Con un grande secondo tem...

Champions League. Il Napoli resta in corsa

Champions League. Il Napoli resta i…

Con un grande secondo tem...

Con Amatrice nel cuore, il 5 dicembre  il  Maestro Zampieri accompagnerà la famosa virtuosa di Flauto di Pan, Andreea Chira

Con Amatrice nel cuore, il 5 dicemb…

Allo scopo di contribuire...

Riuscirà Fassino a ricompattare il Pd ?

Riuscirà Fassino a ricompattare il …

L’impresa affidata da Ren...

Serie A. 13ma giornata. Cambio della guardia

Serie A. 13ma giornata. Cambio dell…

La Juve perde in casa del...

Prev Next

Tennis sfida fra David e Golia: Zverev nuovo Re di Roma

tennis foto italico internaz 2017Roma, 19 maggio 2017 - Agli Internazionali d’Italia è il momento dei giganti.    L’altezza media di 4 degli otto giocatori che hanno raggiunto i quarti di finali supera infatti  i  due metri. Si va dai 2,08 m. di Isner,  all’1,98 m. di Zverev, Cilic e Del Potro,  e "solo" 1,96 m. Raonic.

L’altezza è un elemento importante per la potenza e la precisione del servizio, come può testimoniare Fabio Fognini sulla base della sua recente esperienza contro  Zverev. Certo  essere alti comporta anche  svantaggi nella rapidità dei movimenti e nei recuperi fondamentali agli alti livelli, ma comunque è una ottima base di partenza. E, dunque, il firmamento tennistico si infoltisce ogni giorno di qualche nuovo gigante.

Nella prima sfida dei quarti il croato Cilic (numero 6 al mondo) con il suo 1,98 sembrava un piccoletto al cospetto dello statunitense Isner (n.24) per il palmo di mano di differenza nella statura. Isner ha fatto suo il match sfruttando la sua altezza nei due tiebreak  che hanno aperto  e chiuso la partita: 7-6, 4-6, 7-6. Lo statunitense è il primo dei primi.

tennis cilic isner 17

Anche il secondo match dei quarti ha visto sul Centrale la sfida fra due lungagnoni : il Canadese Milos Raonic (n. 6 al mondo) e Alexander Zverev (n.17) entrambi alti 1,98 m. La differenza fra i due, si è vista sul campo che i 2 metri del tedesco di Russia sono molto più agili di quelli del canadese.  Che nel primo set  ha potuto fronteggiare la superiorità di gioco  di Zvarev grazie al servizio, ma non gli ha impedito di perdere al tiebreak. Nel secondo set Raonic ha tentato di forzare sia la prima  che la seconda palla di servizio per evitare gli scambi ma non gli è servito. Nel secondo game ha commesso ben tre doppi falli e, naturalmente, ha subito anche il break. Dopo si è squagliato come neve al sole lasciando il suo biondo avversario agli applausi del pubblico giovane ormai tutto per lui: già incoronato nuovo Re di Roma.

tennis raonic zverer

A seguire è stato il turno dello spagnolo   Rafael Nadal e  l’austriaco Dominic  Thiem, derby fra piccoli!!| lo spagnolo (Numero 2 al mondo) 1,85 m., l’austriaco  (N.7,) 1,81 m.

In nottata l’ultimo quarto  di fronte il serbo Novak Djokevic (n.2) e l’argentino Juan Martin Del Potro.  Fra i due, 10 centimetri di altezza in favore di Del Potro, ma il serbo con il suo 1,88 m. non può certo definirsi un piccoletto!

Ultima modifica ilVenerdì, 19 Maggio 2017 20:16
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...