Menu
Parenti albanesi ladro, a bocca asciutta. Archiviata accusa omicidio

Parenti albanesi ladro, a bocca asc…

Questa volta non ha funzi...

Flash  - San Giorgio a Cremano: offensiva al "clan Troia". 38 arresti

Flash - San Giorgio a Cremano: off…

Roma, 12 dicembre 2017 - ...

Serie A,  16a giornata 2017  - Lazio matata, ma la VAR?

Serie A, 16a giornata 2017 - Lazi…

Roma, 11 dicembre 2017 - ...

Calcio. Buon sorteggio per le italiane

Calcio. Buon sorteggio per le itali…

L’urna è benevola con le ...

Serie A,  16a giornata 2017 - Frenano Napoli e Roma, ripresina Milan

Serie A, 16a giornata 2017 - Frena…

Roma, 10 dicembre 2017 - ...

Racconti di sport. Forza Roma, Forza Lando

Racconti di sport. Forza Roma, Forz…

“Forza Roma, Forza Lupi. ...

Serie A. 16a giornata. Tanto rumore per nulla

Serie A. 16a giornata. Tanto rumore…

L’attesissima e strombazz...

Addio al cantante-attore romano Lando Fiorini

Addio al cantante-attore romano Lan…

Roma, 09 dicembre 2017 - ...

Home ......Home

Home ......Home

dalla nostra corrispond...

Europa League. È grande Atalanta

Europa League. È grande Atalanta

I bergamaschi battono il ...

Prev Next

Attualita.it - Articoli filtrati per data: Sabato, 04 Novembre 2017

Serie A. 12a giornata. Samp d’oro

  • Pubblicato in Calcio

calcio sampdoria genoa 17I blucerchiati vincono 2-0 il 115mo derby della Lanterna e salgono a 23 punti in classifica. Il Genoa resta penultimo e ora la panchina di Juric può saltare.

Roma, 4 ottobre – È una Samp d’oro quella che ha costruito Giampaolo, che vince il suo terzo derby consecutivo e sale sempre più in alto in classifica, a ridosso di quella Roma contro la quale deve ancora recuperare la partita rinviata a settembre. Una classifica straordinaria per i blucerchiati, pessima per il Genoa, che paga la mancanza di un vero uomo-gol (pessima la prova di Lapadula) e le lacune di una difesa che, con Zukanovic, ha regalato entrambe le reti alla Samp. Quella di Ramirez al 24’ e quella di Quagliarella all’84’. Sullo 0-0 Lapadula si è mangiato due gol per la sua smania di fare le rovesciate, sull’1-0 Rosi ha colpito la traversa e nel secondo tempo il Genoa ha fatto un forcing eccezionale. Ma la Samp quest’anno è squadra vera e alla prima occasione ha chiuso un match che, però, il Genoa avrebbe meritato di pareggiare. Ma è arrivata la sconfitta e ora la panchina di Juric è fortemente a rischio, anche se la sua squadra ha dato tutto quello che aveva.

Nell’altro anticipo un grande Crotone vince 3-2 in rimonta a Bologna grazie alla doppietta di Budimir. Una rimonta che arriva dopo un primo tempo segnato dalle prodezze di Verdi, in gol su punizione di destro al 38’ e poi di sinistro al 45’. In mezzo la prima rete di Budimir. Al 70’ il Crotone pareggia con un rigore di Trotta, concesso con l’aiuto della Var per un fallo di mani di area di Krafth e due minuti dopo ancora Budimir segna il 3-2 con un sinistro imprendibile. E’ la svolta del match, che regala al Crotone la seconda vittoria consecutiva e infligge al Bologna la quarta sconfitta di seguito.

Leggi tutto...

Rugby Eccellenza - 5^ Giornata. Continua la corsa in solitario del Pataro' Calvisano

  • Pubblicato in Rugby

rugby meta Boggiani femi lazio 17Battuto il Viadana nel derby lombardo.

Roma, 4 novembre 2017 - Quinta giornata senza sorprese.

Il Pataro' Calvisano fa suo il derby contro il Rugby Viadana per 19-17. Partita sempre viva nel punteggio e giocata a buoni ritmi.

A Roma le Fiamme Oro perdono ad opera del Petrarca Padova per 33-16, mentre il Rovigo supera agevolmente la Lazio per 49-12.

I Medicei Firenze regolano il Rugby Reggio per 34-17.

Nel classico dei derby veneti,  il San Dona batte il Mogliano per 36-7.

Il campionato si ferma per lasciare spazio al test match di novembre dove gli azzurri affronteranno Fiji, Argentina e Sud Africa.

 

ECCELLENZA, 5/A:

Fiamme Oro Roma v Padova 16-33 (0-4); 

Rovigo v Lazio 49-12 (5-0); 

Viadana v Calvisano  17-19 (1-4); 

S.Dona v Mogliano 36-7 (5-0);

Medicei Firenze v Reggio Emilia 34-17 (5-0). 

ECCELLENZA, CLASSIFICA  5/A: 

Calvisano 23; Padova,San Dona e Rovigo 18; Viadana 16; Medicei Firenze 15; FIamme Oro Roma10; Lazio e Mogliano 2; Reggio Emilia 0.

 

Viadana, Stadio "Luigi Zaffanella"- Sabato 4 novembre 2017
Eccellenza, V giornata

Rugby Viadana 1970 v Patarò Calvisano 17-19 (7-13)

Marcatori: p.t. 6’ m. Bergonzini tr Rojas (7-0); 14’ cp Novillo (7-3); 30’ m. Susio tr Novillo (7-10); 35’drop Novillo (7-13); s.t. 55’ m. Spinelli (12-13); 64’ m Spinelli (17-13); 67’ cp Novillo (17-16); 77’ drop Novillo (17-19)

Rugby Viadana 1970: Spinelli; Amadasi, Finco, Rojas, O’Keeffe (64’ Tizzi); Biondelli, Gregorio (57’Bacchi); Grigolon, Moreschi, Denti And. ©, Caila, Orlandi Arrigoni, Denti Ant., Ceciliani (54’ Silva), Bergonzini (37’ Brandolini).

All. Frati/Sciamanna

Patarò Calvisano: Chiesa; Susio, Paz, De Santis, Bruno; Novillo, Casilio (65’ Semenzato); Tuivati (78’ Casolari), Zdrilich, Zanetti, D’Onofrio, Cavalieri, Biancotti (52’ Leso), Giovanchelli (57’ Morelli), Rimpelli (65’ Fischetti).

All. Brunello

Arb. Claudio Blessano (Treviso)

AA1 Luca Trentin (Lecco) AA2 Filippo Bertelli (Brescia)

Quarto uomo: Massimo Brescancin (Treviso)

Cartellini: 50’ giallo a D’Onofrio (Patarò Calvisano), 72’ giallo a Spinelli (Rugby Viadana 1970), 78’giallo a Morelli (Patarò Calvisano)

Calciatori: Novillo(Patarò Calvisano) 3/4, Rojas (Rugby Viadana 1970) 1/3

Note: giornata nuvolosa, campo in ottime condizioni. Stadio Luigi Zaffanella, circa 1300 spettatori

Punti conquistati in classifica: Rugby Viadana 1970 1; Patarò Calvisano 4

Man of the Match: Novillo (Patarò Calvisano)

 

San Donà di Piave, Stadio “Mario e Romolo Pacifici” – sabato 4 novembre

Eccellenza, V giornata

Lafert San Donà v Mogliano Rugby 36-7 (5-7)

Marcatori: p.t. 8’ m. Schiabel (5-0), 30’ m. Corazzi tr. Mornas (5-7); s.t. 58’ cp. Ambrosini (8-7), 68’ m. Derbyshire tr. Ambrosini (15-7), 70’ m. Reeves tr. Ambrosini (22-7), 78’ m. Ambrosini tr. Ambrosini (29-7), 81’ m. Vian tr. Ambrosini (36-7)

Lafert San Donà: Reeves; Schiabel; Lupini (58’ Bertetti), Iovu (70’ Pratichetti), Falsaperla; Ambrosini, Crosato (70’ Rorato); Derbyshire (cap) (70’ Erasmus), Vian, Catelan; Van Vuren, Wessels (77’ Biasuzzi); Michelini (74’ Ros), Bauer, Ceccato (61’ Zanusso).

All. Ansell

Mogliano Rubgy: D’Anna (77’ Giabardo); De Masi, Zanon, Da re, Visentin; Mornas (73’ Facchini), Gubana (37’ Fabi); Padrò, Corazzi, Manni (51’ Halvorsen); Baldino, Bocchi (73’ Maso); Buonfiglio (54’ Bigoni), Nicotera, Vento (63’ Ceccato).

All. Dalla Nora

arb.Meconi

AA1 Giuseppe Vivarini (Padova), AA2 Simone Boaretto (Rovigo)

Quarto Uomo: Roberto Lazzarini (Rovigo)

Cartellini: 25’ giallo a Michelini (Lafert San Donà), 80’ rosso a Visentin (Mogliano Rugby)

Calciatori: Ambrosini (Lafert San Donà) 5/6; Mornas (Mogliano Rugby) 1/1

Note: giornata nuvolosa, campo in buone condizioni. Stadio Pacifici 534 spettatori. Iniziativa “Tempo Zero per Alessio”, pranzo tra tifoserie per raccogliere fondi da devolvere ad Alessio Carrer, rugbista dell’Under10 del Rugby San Donà rimasto orfano lo scorso settembre a causa della tragedia della Solfatara di Pozzuoli.

Punti conquistati in classifica: Lafert San Donà 5 ; Mogliano Rugby 0

Man of the Match: Dario Schiabel (Lafert San Donà)

 

Roma, Caserma “Stefano Gelsomini” - Sabato 4 novembre 2017

Eccellenza, V giornata

Fiamme Oro Rugby v Petrarca Rugby 16-33 (14-9)

Marcatori: p.t. 6’ cp Fadalti (0-3), 13’ cp Roden (3-3), 16’ cp Fadalti (3-6), 24’ cp Roden (6-6), 29’ cp Roden (9-6), 36’ cp Fadalti (9-9), 38’ m. Seno tr Roden (16-9); s.t. 50’ cp Fadalti (16-12), 53’ m. Rossi tr Fadalti (16-19), 57’ cp Fadalti (16-22), 63’ dp Ippolito-Menniti (16-25), 70’ cp Fadalti (16-28), 79’ m. Rossi (16-33)

Fiamme Oro Rugby: Edwardson; Sepe, Vaccari (27’ Seno), Gabbianelli, Bacchetti (65’-68’ Martinelli); Roden, Parisotto; Amenta (68’ Duca), Cristiano, Bianchi (70’ Bergamin); Caffini, Fragnito (59’ Cornelli); Di Stefano (59’ Iacob), Moriconi (58’ Kudin), Cocivera (58’ Iovenitti)

All. Guidi

Petrarca Rugby: Fadalti; Capraro, Favaro, Bettin (41’ Benettin), Rossi; Menniti-Ippolito (Cap), Francescato; Lamaro, Conforti, Salvetti (62’ Saccardo); Gerosa (74’ Trotta), Cannone; Rossetto (60’ Vannozzi), Santamaria, Borean (41’ Scarsini).

All. Marcato

arb.Mitrea (Treviso)

g.d.l.Chirnoaga (Roma) e Pierantoni (Roma)

Calciatori: Fadalti (Petrarca Padova) 7/8, Roden (Fiamme Oro Rugby) 4/4

Note: Giornata soleggiata e leggermente ventilata. Spettatori: circa 600.

Cartellini: 28’ giallo a Francescato (Petrarca Padova), 49’ giallo a Caffini (Fiamme Oro Rugby), 75’ giallo a Benettin (Petrarca Padova)

Punti conquistati in classifica: Fiamme Oro Rugby 0, Petrarca Padova 4

Man of the Match: Niccolò Fadalti (Petrarca Padova)

 

Rovigo, Stadio “Mario Battaglini” – sabato 4 novembre

Eccellenza, V giornata

FEMI-CZ Rovigo v S.S. Lazio Rugby 1927 49-12 (35-5)

Marcatori: p.t. 2’ m. Momberg tr. Mantelli (7-0), 8’ m. Momberg tr. Mantelli (14-0), 19’ m. Cioffi tr. Mantelli (21-0), 25’ m. Cioffi tr. Mantelli (28-0), 32’ m. Boggiani tr. Mantelli (35-0), 39’ m. Bonavolontà F. non tr. (35-5); s.t. 59’ m. tecnica (42-5), 77’ m. Muccignat tr. Chillon (49-5), 80’ m. Antl tr. Ceballos (49-12).

FEMI-CZ Rovigo: Odiete (41’ Arrigo); Barion, Cioffi, Modena (66’ Barani), Biffi; Mantelli (61’ Pasini), Chillon; Ferro (cap.) (35’-41’ Venco) (61’ Venco), Lubian, Zanini; Boggiani, Ortis (61’ Parker); D’Amico (61’ Cincotto), Momberg (53’ Cadorini), Balboni (49’ Muccignat).

all.McDonnell

S.S. Lazio Rugby 1927: Bonavolontà F.; Lombardo (58’ Giangrande), Di Giulio (41’ Guardiano), Antl, Giancarlini (45’ Santoro); Ceballos, Bonavolontà D. (cap) (63’ Brui); Cicchinelli; Pagotto (71’ Valente), Pagani (45’ Amendola); Pierini, Romagnoli; Gloriani (41’ Forgini), Corcos, Di Roberto (41’ Marsella). All. Montella

arb.Piardi (Brescia)

AA1 Gnecchi (Brescia), AA2 Cusano (Vicenza)

Quarto Uomo: Giacomini Zaniol (Treviso)

Cartellini: 58’ giallo a Forgini (S.S. Lazio Rugby 1927), 71’ giallo a Pierini (S.S. Lazio Rugby 1927)

Calciatori: Mantelli (FEMI-CZ Rovigo) 5/5 ; Chillon (FEMI-CZ Rovigo) 1/1; Ceballos (S.S. Lazio Rugby 1927) 1/3

Note: giornata nuvolosa, circa 16°, campo in buone condizioni. Spettatori circa 1000.

Punti conquistati in classifica: FEMI-CZ Rovigo 5; S.S. Lazio Rugby 1927 0

Man of the Match: Ortis (FEMI-CZ Rovigo)

 

Firenze, Ruffino Stadium “Mario Lodigiani” - sabato 4 novembre

Eccellenza, V giornata

Toscana Aeroporti I Medicei v CONAD Reggio 34-17  (20-3)

Marcatorip.t. 2’ cp Gennari (0-3); 8’ cp Newton (3-3); 12’ m McCann, tr Newton (10-3); 32’ m Schiavon, tr. Newton (17-3); 37’ cp Newton (20-3);  s.t. 56’ m Montauriol, tr Newton (27-3); 60’ m Lubian tr Newton (34-3); 77’ m Farolini tr Farolini (34-10), 79’ m Mordacci tr Farolini (34-17).

Toscana Aeroporti I Medicei: Basson; Lubian, Rodwell, Cerioni (7’ Mattoccia), McCann; Newton, Fusco; Greeff, Boccardo, Chianucci (73’ Bottacci); Montauriol (65’ Cemicetti), Maran (cap); Montivero (14’ Battisti), Baruffaldi, Schiavon (70’ Cesareo).

All. Presutti, Basson

CONAD Reggio: Farolini (cap); Scalvi (22’ Costella), Paletta, Orsenigo, Gennari (62’ Regestro); Rodriguez (55’ Perrone), Panunzi; Mordacci, Rimpelli (50’ Fontana), Dell'Acqua (60’ Visagie); Du Preez, Devodier; Van Zyl (65’ Fiume) , Manghi (62’ Gatti), Celona (54’ Quaranta). 

All. Manghi, Festuccia

Arb. Tomò (Roma)

AA1 Liperini (Livorno), AA2 Giovanelli (La Spezia)

Quarto Uomo Masetti (Arezzo)

Cartellini: 73’ giallo a McCann (Toscana Aeroporti I Medicei)

Calciatori: Newton (Toscana Aeroporti I Medicei) 6/6; Gennari (CONAD Reggio) 1/1, Farolini (CONAD Reggio) 2/2 

Note: giornata nuvolosa, campo in ottime condizioni. Spettatori 1140

Punti conquistati in classifica: Toscana Aeroporti I Medicei 5; CONAD Reggio 0 

Man of the Match: J. Schiavon (Toscana Aeroporti I Medicei)

Leggi tutto...

Giancarlo Tulliani arrestato a Dubai. Era latitante ed è accusato di riciclaggio

  • Pubblicato in Cronaca

tulliani dubai foto chi

(tulliani-dubai-foto_chi)

Roma, 04 novembre 2017 - Giancarlo Tulliani, ricercato perchè destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per riciclaggio nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Roma,  è stato arrestato a Dubai, mentre si trovava all'aeroporto dove si era recato per accompagnare la sua compagna.

La notizia è stata resa nota dal suo legale l'Avvocato Titta Madia che ha dichiarato "L'arresto è legato ad un mandato internazionale disposto dalla Procura di Roma. Adesso si avvierà la procedura di estradizione al termine della quale le autorità di Dubai potranno concedere o meno il trasferimento in Italia di Tulliani". Ciò in quanto in quel Paese  non esiste estradizione con l'Italia.

A Dubai, come documentava il settimanale  "Chi", il latitante  ha alloggiato per un mese in un condominio a cinque stelle nel quartiere residenziale di Al Barsha per poi trasfersi, con la fidanzata Federica Papadia, nel lussuosissimo Burj Khalifa, il grattacielo più alto del mondo, girando per Dubai con auto con autista.  Giancarlo Tulliani portava al polso un orologio Audemars Piguet da 46 mila euro mentre la fidanzata  sfoggiava una borsa di Hermes da più di 5 mila euro e gioielli di Bulgari.

Leggi tutto...

Il Rosatellum è legge. Mattarella ha firmato

gentiloni renzi mattarella

Roma, 04 novembre 2017 - Ieri pomeriggio, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha promulgato la nuova legge elettorale approvata dal Parlamento e con la quale si andrà a votare il prossimo anno. La legge contiene modifiche al sistema di elezione della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica e la delega al Governo per la determinazione dei collegi elettorali uninominali e plurinominali.

Sono così, per la Camera dei Deputati,  232 i seggi uninominali (compresivi di un seggio per la Val d’Aosta e 6 collegi in Trentino Alto Adige), 386 seggi assegnati nei collegi plurinominali e 12 seggi della circoscrizione estero. Totale 630 ...

Al Senato, i collegi uninominali sono 116, quelli plurinominali 193 e 6 quelli assegnati all’estero. Nei collegi uninominali è eletto il candidato più votato, in quelli plurinominali l’assegnazione dei seggi avviene con metodo proporzionale tra le liste e le coalizioni che hanno superato le soglie di sbarramento. Totale 315 ...

Inoltre, un candidato può presentarsi in un solo collegio uninominale ma c'è sempre nascosto  l'asso nella manica, potendo beneficiare della candidatura anche in 5 listini plurinominali e quindi essere recuperati nella quota proporzionale.

La soglia di sbarramento per l’ingresso in Parlamento è fissato al  3% dei voti validi a livello nazionale invece le coalizioni, per essere considerate tali, devono superare l’asticella del 10%. Per il Senato, sono ammesse anche le liste che in una sola regione superano il 20% dei voti in quel territorio. Le liste civetta diventano importanti per i cespugli  con numero da teleselezione, in quanto se raggiungono numeri tra l’1 e il 3%, i voti verranno distribuiti tra tutti i partiti della coalizione che hanno superato la soglia del 3%.

Con il Rosatellum, è abolito il voto disgiunto. Ci sarà un’unica scheda, con due possibilità.

La prima, barrando solo il nome del candidato uninominale,  il suo voto è trasferito anche al partito collegato o, in caso sia appoggiato da una colazione, attribuito «pro quota» alle liste alleate.

La seconda, se si tracciano la "X" sul nome del candidato uninominale e sul simbolo collegato, il voto va al partito prescelto e non agli alleati.

Sostanzialmente: la legge è stata approvata dopo aver garantito il vitalizio ai parlamentari in carica; non c'è stata nessuna riduzione di deputati e senatori altrimenti cosa gli fai fare?; la soglia è stata portata al 3% per garantire anche coloro che, tradendo l'elettorato e hanno cambiato casacca, hanno così la possibilità di essere rieletti grazie allo "zoccolo duro" dei "graziati"; hanno finto l'unicandidatura collegiale; i partiti hanno ancora i collegi blindati e sono sempre loro a decidere chi deve essere candidato ed eletto. Quindi ... una nuova legge proprio Partitica "Democratica"....   

 

Leggi tutto...

Accademia Nazionale di Santa Cecilia – Petrenko e Mario Brunello in un programma romantico

teatro mario brunelloUn’ eccellenza italiana
Roma, 4 novembre 2017 - Il ritorno dell’Orchestra dopo la tournée americana e le pagine musicali scelte per il pubblico: due elementi d’interesse che motivano l’Auditorium sold out.
Al direttore  Vasily Petrenko l’impegno del podio per un programma dedicato a Brahms e  alle atmosfere romantiche di Schumann e di Mendelsshon Bartholdy.
Ad apertura, un brano particolarmente interessante, un punto di snodo nel tracciato compositivo di Johannes Brahms: Le Variazioni su un tema di Haydn op 56° nella versione per orchestra ( ne esiste anche una versione per due pianoforti, autonoma rispetto alla forma orchestrale ). Un procedimento, quello della variazione su tema, che si snoda  per tutto il percorso musicale nelle varie epoche, ma al tempo di Brahms non più in voga, anzi considerato scolastico e proprio di un comporre antiquato. Al quale si opponeva, fra gli altri,  lo stesso Wagner. Ma in quella seconda  metà dell’800 riprende d’improvviso la sua carica vitale proprio per mezzo di questo lavoro, nato dalle suggestioni suscitate nell’artista da un manoscritto attribuito a Haydn datato circa un secolo prima (1784), e in particolare dal secondo tempo della composizione che citava un antico canto austriaco dei pellegrini: il Chorale in honerem St Antonii. Fino ad allora Brahms aveva composto musica cameristica di grande successo, con le Variazioni, eseguite per la prima volta il 2 novembre del 1873 a Vienna dai Philharmoniker, diretti dallo stesso autore, egli inizia la produzione sinfonica. Il metodo compositivo scelto, risalente al periodo barocco, conserva la struttura armonica originale e varia e articola diversamente la melodia. Notevole e assai differente è tuttavia la resa anche per l’evidente contributo che la grande formazione orchestrale offre al compositore. Un artista raffinato come Petrenko, uno dei massimi esponenti dei direttori della sua generazione (è nato nel 1976), proveniente dalla fertile fucina del Conservatorio di San Pietroburgo, Artista dell’Anno ai Gramophone Awards nel 2017, ha saputo condurre con brillante solerzia la nostra più importante Orchestra Sinfonica lungo le difficoltà della partitura.
Il programma si chiude sulle note della severa Sinfonia n. 5 di Mendelsshon Bartholdy, detta la “Riforma”, perché scritta dal compositore ventenne nel 1829, in occasione del trecentesimo anniversario della confessione di Augusta.
Ma il punto centrale e più significativo del programma era certamente costituito dalla performance di Mario Brunello, violoncellista di fama internazionale, vincitore nel 1986 del Premio Ciaikovskij, impegnato nel Concerto in la minore  per violoncello e  orchestra op.129 di Robert Schumann. Composto in appena due settimane nell’autunno del 1850, fu ascoltato per la prima volta dal pubblico di Oldenburg quattro anni dopo la morte del compositore.
Denso di colori di struggente bellezza, di slanci romantici, di lirica cantabilità, il Concerto per violoncello è testimone delle gravi e combattute difficoltà di Schumann già preda del profondo squilibrio mentale e dei suoi demoni che, dopo avergli fatto tentare il suicidio, ne consigliavano il ricovero in una struttura ospedaliera  dove sarebbe morto  due anni dopo l’internamento, il 29 luglio del 1856, senza aver potuto rivedere l’amata moglie Clara e i loro sei figli.  In linea con la ricerca musicale  romantica che anelava vivamente al nuovo e a rileggere gli antichi e le forme classiche con occhio moderno, stimolato dalla propria estetica, Schumann costruisce l’architettura del Concerto  nella consueta scansione in tre movimenti, ma travasandoli l’uno nell’altro senza soluzioni di continuità.
Il Concerto ricco di spunti emotivi è un banco di prova per un solista che voglia riprodurre la sensibilità vibrante di un animo appassionato. Il miracolo che converte in suono la pagina musicale è stato compiuto da Mario Brunello, un’eccellenza italiana.
Leggi tutto...

Almanacco del 04 novembre 2017

almanacco new 3
alm milite ignoto
OGGI
Sabato, 04 Novembre 2017
CELEBRAZIONE DELLA VITTORIA
E FESTA DELLE FORZE ARMATE
È il 308º giorno del Calendario Gregoriano 
Mancano 57 giorni alla fine dell'anno.
alm milite ignoto
NASCE
1955: Platinette,(Mauro Coruzzi) conduttore radiofonico,
 televisivo e personaggio televisivo
1959: Marina Suma, attrice (Sapore di mare)
1961: Maurizio Casagrande, attore
e regista (E io non pago)
1978: Valeria Solarino, attrice
(Smetto quando voglio - Masterclass)
1983: Angelo Campolo, attore (Primula Rossa- 2018)
MUORE
2002: Antonio Margheriti, regista
(Il triangolo della paura) (n.1930)
2012: Pier Cesare Bori, storico delle religioni (n.1937)
2013: - Angelo Sala, giornalista e scrittore (Il Pizzo
dei Tre Signori. Una montagna da protagonisti)(n.1952)
2015: Antonello De Sanctis, paroliere
 e scrittore (Anima mia) (n.1942)
2015: Antonio Glauco Casanova, saggista e giornalista.
Ha curato, con ampie introduzioni storiche, i volumi 
Montecitorio e Il Palazzo del Quirinale"   (n. 1919)
STRANIERI
1961: nasce Ralph Macchio, attore e regista statunitense,
(Daniel LaRusso nella trilogia di The Karate Kid)
1969: nasce      Matthew McConaughey, attore, produttore
cinematografico statunitense, Oscar
(La torre nera -The Dark Tower)  
2011: muore Cynthia Myers, attrice e modella statunitense
 (Strip de velours - documentario)  (n. 1950)
2016: muore  Jean-Jacques Perrey, compositore francese,  
pioniere del sintetizzatore Moog (n. 1929)
alm milite ignoto
ACCADDE
1812 – Posa della prima pietra dell'Osservatorio
Astronomico di Capodimonte fatta da Carolina Bonaparte
1852 - Nel Regno di Sardegna, Camillo Benso
conte di Cavour diventa capo del suo primo governo
1862: Richard J. Gatling, medico americano,  
brevetta il "Gatling gun", cannone mitragliatore a canne
 rotanti, con capacità di fuoco di 350 colpi al minuto
1866: il Regno d'Italia annette Venezia
1869 - Pubblicazione del primo numero
della rivista scientifica Nature
1918 - Prima guerra mondiale: il Bollettino della Vittoria 
annuncia che l'Impero Austro-ungarico si arrende all'Italia,
in base all'armistizio firmato a Villa Giusti, nei pressi di 
Padova. Nel 1919, l'Italia completa l'unità nazionale con
l'annessione di Trento e Trieste. Per tale motivo, il
4 novembre è festeggiato come Giornata dell'Unità
Nazionale e delle Forze Armate.
1921: La salma del Milite Ignoto viene inumata nell'Altare
della Patria del Vittoriano di Roma
1922: in Egitto Howard Carter scopre
la tomba di Tutankhamen
1939: prima dimostrazione pubblica del funzionamento di
un condizionatore per automobile
1979: a Teheran (Iran) 500 "studenti" dimostranti si
impadroniscono nell'ambasciata americana catturando 90
ostaggi. 52 cittadini americani rimarranno in
ostaggio per 444 giorni
2010: scoperta ad Arnhem Land,nel nord Australia, la più
antica ascia di pietra del mondo, affilata mediante
molatura. Il radio-carbonio indica un'età di 35.000 anni. 
Gli aborigeni Jawoyn furono i primi a possedere la
tecnica di molare le asce
alm milite ignoto
TEMPO AL TEMPO
1952 - un violentissimo terremoto di magnitudo 9
 sconvolge la Russia, conosciuto con il nome di
"terremoto della penisola di Kamchatka" 
(un altro molto simile era avvenuto nel 1737)
1966 - All'eccezionale  ondata di maltempo e piogge
segue la tracimazione dei  fiumi Arno e Sieve. A Firenze
l'acqua dell'Arno si innalzata di 4 metri.  Si parlerà di 34
vittime in tutta la Toscana. Tra i 6.000 e 10.000, i negozi
distrutti. Determinante è l'intervento dei volontari italiani
e stranieri che cercheranno di salvare non solo le persone,
 ma il patrimonio incommensurabile di opere d'arte finite
nell'acqua. Aiuti economici arrivarono soprattutto grazie 
all'opera del regista Franco Zeffirelli (che realizzò in breve
tempo un documentario sull'accaduto) e all'appello
dell'attore inglese Richard Burton. Si parlerà
dell'alluvione di Firenze
1966: A Venezia  l'alta marea raggiunge 194 centimetri
sopra il livello medio, sommergendo  la città e tutte le isole
della laguna. L'intero nord-est dell'Italia viene colpito da
una delle più grandi alluvioni mai verificatesi
nell'Europa meridionale
1996 un ciclone si abbatte sulla regione indiana di Andhra
Pradesh. Più di 1.000 le vittime
2011 - Un'alluvione devasta Genova: i torrenti Fereggiano
 e Bisagno esondano, si raggiunge la piena dei torrenti 
Sturla e Scrivia. Avviene con la stessa potenza di quella
del 1970, causando 6 morti. Tra i quartieri colpiti, Quezzi, 
Marassi, Foce, Brignole, San Fruttuoso e Sturla, oltre che
alcuni vicini comuni.
alm milite ignoto
LA CHIESA RICORDA
Santi e Beati
S. Carlo Borromeo, protettore degli studi,
S. Modesta verg. E mart., S. Porfirio, San Felice di Valois,
Beata Elena Enselmini, Beata Francesca D'Amboise,
Santa Modesta di Treviri,  
Santi Vitale e Agricola di Bologna
alm milite ignoto
SIGNIFICATO DEI NOMI
CARLO, CARLA - Dal tedesco karl= forte, vigoroso.
Sarebbe troppo lungo elencare i Carlo che resero illustri
i regni, la scienza e l' arte. Nome molto comune, ma pur
sempre molto bello.
Col vostro vigore fisico e con la vostra forza morale
supererete qualsiasi difficoltà e giungerete
sempre alla métà.
alm milite ignoto
PROVERBIO
Sotto un generale forte,
 non vi sono soldati deboli. 
alm milite ignoto
DITELO CON I FIORI
Il significato di Anemopside è...
- Caducità
alm milite ignoto
UNA FRASE AL GIORNO
Occorre che la legge sia breve, perché più 
facilmente i meno esperti la ricordino.
(Seneca)
alm milite ignoto
PENSIERO DEL MATTINO
Chissà se un felice momento d'amore o la
 gioia di respirare o camminare in un chiaro 
mattino e l'odorare l'aria fresca, non valga
tutta la sofferenza e lo sforzo che la vita implica.” 
(Erich Fromm)
alm milite ignoto
MASSIMA DEL GIORNO DIVERTENTE
Dialogo fra   spermatozoo e ovulo
Ovulo -"Tu che cosa pensi della fecondazione artificiale?"
Spermatozoo - "Mah, guarda... sono cose che ...
... non concepisco."
alm milite ignoto
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...