Menu
Calcio. Troppo Milan per lo Shkendija

Calcio. Troppo Milan per lo Shkendi…

Roma, 17 agosto 2017 - Il...

Flash - Barcellona:  furgone contro folla sulla Rambla. Ci sono morti e feriti

Flash - Barcellona: furgone contro…

(foto Ansa) Roma, 17 ago...

Calcio. Napoli: buona la prima

Calcio. Napoli: buona la prima

(foto: Ansa) Roma, 16 ago...

Brillantemente risolto il giallo delle gambe di donna  rinvenute nel cassonetto. Recuperato il corpo. Un fermo - VIDEO

Brillantemente risolto il giallo de…

Roma, 16 agosto 2017 - Ap...

Il giallo dell'estate - Due gambe di donna rinvenute in un cassonetto. Sul posto la Scientifica

Il giallo dell'estate - Due gambe d…

(foto repertorio) Roma...

Corea del Nord: alla pronta reazione di Trump, dichiara "prima di sparare osservo azioni Usa"

Corea del Nord: alla pronta reazion…

Roma, 15 agosto 2017 - or...

Burkina Faso - Strage in un locale. 17 morti e 8 feriti

Burkina Faso - Strage in un locale.…

A sparare, sospetti estre...

Calcio. Supercoppa alla Lazio

Calcio. Supercoppa alla Lazio

(foto: Ansa) Roma, 12 ...

Incendi. Arrestato un romeno diciottenne

Incendi. Arrestato un romeno diciot…

(foto repertorio) Monter...

San Lorenzo -Sonetto romano

San Lorenzo -Sonetto romano

(foto rielaborata Gio-G...

Prev Next

Racconti di sport. Le parate mai fatte

calcio valdir peres rossi 1982Roma, 25 luglio 2017 -A 35 anni di distanza dal mondiale dell'82 che lo fece passare alla storia per le parate mai fatte, se ne è andato Valdir Peres, il portiere del Brasile più forte degli ultimi 47 anni. Da quello del '70 ad oggi.
Forte, si, ma battuto dall'Italia di Paolo Rossi e Bruno Conti. Così lui, che parava i rigori e che era stato la riserva di Leao nei due mondiali precedenti del '74 e del '78, passò alla storia come uno dei portieri più scarsi del Brasile. In pratica, insieme al centravanti Serginho, il punto debole della nazionale dei fenomeni Falcao, Zico, Socrates, Cerezo e Junior.
"Paolo Rossi è stato uno dei miei incubi peggiori" disse anni dopo.
Dopo che il 23 luglio  un infarto se lo è portato via durante un pranzo di compleanno a soli 66 anni, ci piace ricordarlo con queste poche righe. Per la solidarietà del ruolo che ricopriva in campo (il più difficile di tutti, l'unico che deve evitare il gol in un gioco che è tutto volto alla sua ricerca) e perché, come quel mondiale, è uno dei ricordi  della belli della nostra giovinezza.
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...