Menu
Giochi di magia matematica al Centrale Preneste di Roma

Giochi di magia matematica al Centr…

Un pomeriggio tutto parti...

La luce del Sole è l’ombra di Dio

La luce del Sole è l’ombra di Dio

È con piacere, anche se...

Serie A. Anticipo 8a giornata. Ombre azzurre

Serie A. Anticipo 8a giornata. Ombr…

Il Napoli e la Lazio si a...

Il top del calcio mondiale nel nuovo album della Panini

Il top del calcio mondiale nel nuov…

“Panini FIFA 365” è la nu...

News - Battisti - Prende corpo la nostra ipotesi.. Estradizione congelata

News - Battisti - Prende corpo la n…

Brasilia, 14 ottobre 2017...

Racconti di sport. Meroni

Racconti di sport. Meroni

Il 15 ottobre di 50 anni ...

Al Teatro Centrale Preneste la nuova stagione della Rassegna Infanzie in gioco

Al Teatro Centrale Preneste la nuov…

Roma, 13 ottobre 2017 - L...

Prev Next

Racconti di sport - Lo scopone scientifico

scopone pertini bearzot zoff causio35 anni fa il leggendario volo di ritorno dalla Spagna degli Azzurri vincitori del Mundial calcistico 1982
Roma, 12 Luglio 2017- Oggi celebriamo il ricordo di un evento entrato a pieno titolo nella storia, non solo sportiva, del nostro Paese. E non parliamo della conquista della terza Coppa del Mondo di calcio da parte della nazionale italiana nel 1982, ma del “day-after” di quel trionfo sportivo.
La ricorrenza del trionfo calcistico dell’Italia a Madrid, l’11 Luglio 1982, non ha infatti, a distanza di trentacinque anni, bisogno di ulteriori narrazioni. La magica notte allo Stadio “Santiago Bernabeu”, il rigore fallito da Cabrini, l’urlo di Tardelli, il triplice “Campioni del Mondo!!” scandito dalla voce inconfondibile di Nando Martellini restano e resteranno dentro il cuore dei tifosi, di ogni generazione, che a quell’evento hanno potuto assistere dal vivo o davanti ad un teleschermo a colori (che all’epoca costituiva ancora qualcosa di nuovo e non scontato).
Per chi, come il redattore, quell’impresa sportiva degli Azzurri la ha vissuta durante la fluida e innocente stagione della prima adolescenza, quando i campioni sportivi erano al centro di tutto (per qualcuno continuano ad esserlo nonostante il tempo che fugge!), la memoria rappresenta un tesoro prezioso da custodire.
E più di tutto resta impresso il giorno successivo e quell’estemporanea partita a carte sul tavolino del velivolo DC9, durante il trionfale volo di rientro in patria, con l’improbabile quartetto composto da due friulani, un ligure ed un salentino (il Presidente della Repubblica Pertini, il C.T. Enzo Bearzot, il capitano Dino Zoff e Franco Causio) a sfidarsi nel celebre scopone scientifico. Come è noto, vinse la coppia Bearzot- Causio, con conseguente cazziatone del Presidente al suo compagno Zoff (peraltro incolpevole, come si è poi appurato a posteriori).
È un episodio remoto, appartenente ad un’altra “era geologica”, il quale trasmise agli italiani un’idea nuova di unità nazionale.
Trentacinque anni dopo, nel desolante contesto odierno, appare purtroppo irripetibile. Comunque, mai dire mai…
Ultima modifica ilMercoledì, 12 Luglio 2017 17:49
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...