Menu
I risparmi di Lotito consegnano la Lazio al Napoli maturo

I risparmi di Lotito consegnano la …

I risparmi di Maria Calze...

Serie A - La notte del Napoli - CLASSIFICA

Serie A - La notte del Napoli - CLA…

Gli azzurri vincono 4-1 i...

Danneggia tre volte una Chiesa cattolica e colleziona 5 denunce in cinque giorni. Picchia gli Agenti. Arrestato

Danneggia tre volte una Chiesa catt…

Roma, 19 settembre 2017 -...

News - Messico, oltre 150 le vittime del terremoto. Crollo di un collegio. Morti 20 bambini.  38 dispersi

News - Messico, oltre 150 le vittim…

(foto Ansa/Epa) Roma, 20...

Serie a - La VAR aiuta ancora l’Inter

Serie a - La VAR aiuta ancora l’Int…

Nell’anticipo del turno i...

Rischioso fare i conti senza l’oste

Rischioso fare i conti senza l’oste

Roma, 19 settembre 2017 -...

Cosa succede nella Capitale? Tedesca legata e violentata  nel parco di Villa Borghese. Terzo caso in tre giorni

Cosa succede nella Capitale? Tedesc…

Roma, 18 settembre 2017...

Serie A,  4a giornata 2017 - Prime fughe in serie A

Serie A, 4a giornata 2017 - Prime …

Roma, 17 settembre 2017...

Tenta di incendiare il portone del Comune. Indagini sulle motivazioni. Fermato

Tenta di incendiare il portone del …

Cesinali (AV) 17 settembr...

Racconti di sport. Voltati Eugenio

Racconti di sport. Voltati Eugenio

Roma, 17 settembre 2017  ...

Prev Next

Racconti di sport. Nel segno di Zeman

calcio zeman ex romaRoma, 11 maggio – I settant’anni che Zdeneck Zeman compie domani, meritano di essere celebrati, perché in pochi hanno lasciato il segno nel nostro calcio come lui.
Non guardatelo oggi, alla guida di un Pescara mal ridotto che ha ripreso in mano dopo i fasti della promozione in A di qualche stagione fa.
Ripensate al suo Foggia, alla sua Lazio, alla sua Roma degli anni ’90, quelli nei quali il suo 4-3-3 imperava nel nostro campionato a suon di gol e spettacolo. Un movimento di pensiero, più che uno schema. Un modo di essere, più che una tattica. Sempre all’attacco, niente compromessi, gioia di vincere e vivere, segnare e divertirsi, anziché stare in difesa, tutti coperti e contropiede, sperando di fare quella rete sulla quale poi speculare per portare a casa il risultato. Rambaudi-Baiano-Signori a Foggia; Rambaudi-Casiraghi-Signori nella Lazio; Paulo Sergio-Balbo-Gautieri e poi Gautieri-Delvecchio-Paulo Sergio nella Roma, fermata solo da troppe decisioni arbitrali controverse nel campionato che seguì la sua polemica estiva contro il doping, le farmacie e le finanziarie che dovevano uscire dal calcio e che lo portò ad essere considerato il nemico numero uno della Juve e l’idolo di tutti gli anti-juventini d’Italia. Romanisti in primis, ovviamente, per i quali è ancora oggi un mito, anche se in campo poco ha portato alla loro squadra.
Grandi goleade e rovesci impensabili, la sigaretta sempre in bocca (quando si poteva fumare) e quel ghigno sarcastico di chi ha visto tanta vita e tanto mondo per potersi ancora stupire di qualcosa. Lavoro, lavoro e lavoro. Esercizi e gradoni, dieta e disciplina. Così allena i suoi giocatori e ancora dobbiamo conoscerne uno che non gli è stato grato di quanto fatto insieme. Su tutti Totti, che lo considera il miglior allenatore che ha avuto insieme a Mazzone, per lui un secondo padre.

Auguri mister, leggenda del nostro calcio.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...