Menu
News - Messico, oltre 150 le vittime del terremoto. Crollo di un collegio. Morti 20 bambini.  38 dispersi

News - Messico, oltre 150 le vittim…

(foto Ansa/Epa) Roma, 20...

Serie a - La VAR aiuta ancora l’Inter

Serie a - La VAR aiuta ancora l’Int…

Nell’anticipo del turno i...

Rischioso fare i conti senza l’oste

Rischioso fare i conti senza l’oste

Roma, 19 settembre 2017 -...

Cosa succede nella Capitale? Tedesca legata e violentata  nel parco di Villa Borghese. Terzo caso in tre giorni

Cosa succede nella Capitale? Tedesc…

Roma, 18 settembre 2017...

Serie A,  4a giornata 2017 - Prime fughe in serie A

Serie A, 4a giornata 2017 - Prime …

Roma, 17 settembre 2017...

Tenta di incendiare il portone del Comune. Indagini sulle motivazioni. Fermato

Tenta di incendiare il portone del …

Cesinali (AV) 17 settembr...

Racconti di sport. Voltati Eugenio

Racconti di sport. Voltati Eugenio

Roma, 17 settembre 2017  ...

Serie A - Anticipo 4a giornata

Serie A - Anticipo 4a giornata

(foto Lapresse) Roma, 16...

La stagione della IUC

La stagione della IUC

Una tavolozza di tinte ac...

Gli ungheresi di Roma e Lazio

Gli ungheresi di Roma e Lazio

Una bella mostra dell’Acc...

Prev Next

Racconti di sport. L’albanese che faceva cadere le tribune

calcio lushta RizaDomani sera ci sarà Italia-Albania. Ve la presentiamo raccontando la storia molto particolare di Riza Lushta.
Roma, 23 marzo 2017 – Domani sera, a Palermo, si giocherà Italia-Albania, gara valida per le qualificazioni ai Mondiali del 2018. Ma non staremo qui a presentarvela nel modo canonico. Formazioni, interviste e così via. No, stavolta è la partita a fornirci lo spunto per raccontarvi la strana storia di Riza Lushta, uno dei primi giocatori albanesi che vennero a giocare in Italia nello scorso secolo. Nato a Mitrovice nel 1916, giocava attaccante e, in quanto tale, si mise in luce nel Tirana, per poi approdare al Bari nel 1939. Dopo una sola stagione ecco il grande salto, alla Juventus, con la quale mise insieme 85 partite e 46 gol negli anni della seconda guerra mondiale, dal 1940 al 1945, quando passò al Napoli.
È qui che la nostra storia assume in contorni della leggenda, trovando il motivo reale per la quale ve la stiamo raccontando.
Narrano le cronache, infatti, che in quella sua unica stagione vissuta in maglia azzurra (1945-46) Lushta giocò anche bene, ma senza trovare più quella via del gol che, negli anni precedenti, non aveva mai smarrito. Così un cronista del quotidiano “Lo sport del Mezzogiorno”, Carlo Di Nanni, scrisse: “Quando Lushta segnerà cadrà lo stadio”.
E una tragica fatalità volle che proprio nel giorno in cui l’albanese segnò il primo dei 6 gol che fece nelle 27 partite che giocò con il Napoli, cadde una balaustra dello stadio a causa dell’esultanza troppo animata dei tifosi, provocando il ferimento di 114 persone. Mai profezia fu più azzeccata e nella città della scaramanzia Lushta divenne di troppo, tanto che a fine stagione venne ceduto all’Alessandria, dove ritrovò la via del gol che aveva smarrito a Napoli. Abbandonato il mondo del calcio nel 1954, si trasferì per vent'anni negli Stati Uniti, dove lavorò per una ditta di ascensori. Quindi tornò a vivere a Torino, dove è deceduto il 6 febbraio del 1997.
A dispetto di quanto scritto da Di Nanni, in A mise insieme un discreto bottino, visto che segnò 68 gol in 170 partite.
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...