Menu
Europa League 5° turno - En plein delle italiane!

Europa League 5° turno - En plein d…

Roma, 23 novembre 2015 - ...

Teatro Quirino – Sorelle Materassi con Lucia Poli e Milena Vukotic

Teatro Quirino – Sorelle Materassi …

Quel toscanaccio cinico e...

"Guerra e pace - dall’Isonzo ai giorni nostri"

"Guerra e pace - dall’Isonzo a…

Legnano, 23 novembre 2017...

Champions League  -  Juve e Roma rimandate!

Champions League - Juve e Roma ri…

Roma, 22 novembre 2017 - ...

III Edizione del Premio Sicurezza

III Edizione del Premio Sicurezza

Roma, 22 novembre 2017 - ...

Dopo 76 anni, incontro telematico fra Giuseppe Palagi e Luigi Solinas, gli ultimi due Leoni Carabinieri Reali Paracadutisti, reduci della battaglia di Eluet El Asel del 1941. VIDEO AMPIA GALLERIA FOTOGRAFICA

Dopo 76 anni, incontro telematico f…

Cronaca di un evento orma...

Champions League. Il Napoli resta in corsa

Champions League. Il Napoli resta i…

Con un grande secondo tem...

Champions League. Il Napoli resta in corsa

Champions League. Il Napoli resta i…

Con un grande secondo tem...

Champions League. Il Napoli resta in corsa

Champions League. Il Napoli resta i…

Con un grande secondo tem...

Con Amatrice nel cuore, il 5 dicembre  il  Maestro Zampieri accompagnerà la famosa virtuosa di Flauto di Pan, Andreea Chira

Con Amatrice nel cuore, il 5 dicemb…

Allo scopo di contribuire...

Prev Next

Qualificazioni Mondiali: Italia, basso profilo!

calcio Ventura svezia italiaRoma, 10 novembre 2017 - Nazionale di bassa caratura quella che abbiamo visto stasera a Stoccolma nella gara d'andata dello spareggio per la qualificazione ai Mondiali di Russia 2018.

La Svezia ci batte per 1-0, destro di Johansson deviato accidentalmente da De Rossi, e si porta in vantaggio in attesa del match di ritorno di lunedì sera, ma al di là di questo preoccupa l'atteggiamento tattico della nostra Nazionale con un difetto di costruzione della manovra abbastanza evidente; se abbiamo un centrocampo con un uomo di qualità come Verratti, ed in alternativa un vecchio drago come De Rossi, non si capisce per quale motivo l'impostazione debba prescindere da un difensore come Bonucci peraltro sempre con lanci scontati, mai precisi.

L'ingresso di Insigne al 75° non ha sortito granchè, tenendo conto che il napoletano è stato schierato in un'ibrida posizione di mezz'ala sinistra che non gli è assolutamente abituale nel Napoli, per non parlare di Eder non pervenuto.

Ci siamo anche lamentati di un'eccessiva fisicità degli svedesi, come se fosse una novità o come se la qualificazione per noi debba essere un diritto divino. Alla fine della gara sono sembrate un po' eccessive alcune lamentele del tecnico, a voler giustificare una sconfitta non netta tuttavia gli svedesi non hanno rubato nulla.

Una minima recriminazione da parte azzurra possiamo sintetizzarla su una occasione iniziale di Belotti e su un palo di Darmian poco dopo il vantaggio degli svedesi, che hanno sfruttato l'unica occasione avuta giocando, come detto, una gara molto fisica, molto concentrata.

Da salvare per i nostri Darmian ed un po' di fervore da parte di Chiellini e Candreva, per il resto poca cosa e preoccupazione aumentata verso la partita di ritorno dove servirà più determinazione e soprattutto più qualità, più coraggio e meno vittimismo.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...