Menu
Serie A,  16a giornata 2017 - Frenano Napoli e Roma, ripresina Milan

Serie A, 16a giornata 2017 - Frena…

Roma, 10 dicembre 2017 - ...

Racconti di sport. Forza Roma, Forza Lando

Racconti di sport. Forza Roma, Forz…

“Forza Roma, Forza Lupi. ...

Serie A. 16a giornata. Tanto rumore per nulla

Serie A. 16a giornata. Tanto rumore…

L’attesissima e strombazz...

Addio al cantante-attore romano Lando Fiorini

Addio al cantante-attore romano Lan…

Roma, 09 dicembre 2017 - ...

Home ......Home

Home ......Home

dalla nostra corrispond...

Europa League. È grande Atalanta

Europa League. È grande Atalanta

I bergamaschi battono il ...

Grasso potrebbe disarcionare Renzi

Grasso potrebbe disarcionare Renzi

Roma, 7 dicembre 2017 - L...

Siccità e vento in nemici della California del Sud

Siccità e vento in nemici della Cal…

dalla nostra corrispond...

Champions League. Storia di un’eliminazione annunciata

Champions League. Storia di un’elim…

L’avventura del Napoli in...

Teatro Quirino – ‘Mariti e Mogli’ dal film di Woody Allen con Monica Guerritore e Francesca Reggiani

Teatro Quirino – ‘Mariti e Mogli’ d…

Giochi di coppia Per app...

Prev Next

Caso Bonucci, il Milan rivuole indietro 42 milioni???

calcio bonucci gomitata espulsioneRoma, 24 ottobre 2017 -  È merito del VAR  se domani il Milan contro Il Chievo potrà finalmente fare a meno dell’apporto poco apporto di Leonardo Bonucci e riprendere il cammino positivo che stava percorrendo prima dell’innesto dell’ex Campione  già juventino e nazionale.

Un impiego obbligato dai 42 milioni di Euro costati al Milan per l’acquisto del giocatore.

"www.attualità.it"   in tante occasioni a partire dal momento dell’ufficializzazione aveva denunciato l’errore commesso dal Milan. In sintesi  si era argomentato che  Bonucci, alfiere di un calcio tatticamente e tecnicamente superato (vedi Napoli e Lazio  su modello Barcellona), avrebbe condizionato negativamente il gioco ed il rendimento di una squadra “molto italiana” composta da giovani talenti già tecnicamente e tatticamente  iniziati al calcio”spagnolo”.

Un passo indietro, dunque.

Ci si domandava (di fronte ad un rendimento alterno anche nei risultati) quando  i commentatori nostrani si sarebbero accorti dell’errore commesso dai cinesi ammaestrati da Fassone. E quando soprattutto Montella  (che di calcio è  finissimo intenditore) avrebbe compreso l’errore fatto (supponiamo  concorde con la dirigenza rossonera) e sarebbe corso ai ripari.

I migliori commentatori calcistici italiani hanno impiegato oltre tre mesi a rivedere i propri peana a favore dell’operazione Bonucci ed ora fanno a gara, nelle pagelle e nelle disquisizioni,  a bersagliare uno che rimane sempre un grande giocatore che ha dato tanto al calcio italiano ma che ora appare superato dalla nuova  superiore tecnica calcistica (sviluppata a Barcellona da Guardiola) che premia  in Italia due società  (Napoli e Lazio) dotate di giocatori diventati di qualità solo grazie al modulo  impiantato dai due tecnici, con un parco giocatori costato la metà della metà  degli squadroni dotati di grandi superiori risorse economiche.

Il calcio, come ogni sport di squadra, vive continui cambiamenti tattici. Negli anni si sono avvicendati tantissimi moduli di gioco.

Si è passati dal metodo al sistema; dal catenaccio e  contropiede al calcio olandese di Sacchi,  dal calcio totale all’impiego del libero od all’utilizzo tutto campo di un terzino (Gigi Martini nella Lazio di Maestrelli) che permetteva ad una squadra di avere un uomo in più in campo e chi più ne ha più ne metta… fino a ad arrivare al “giro palla” ed alle attuali formule numeriche 3.5, 2, 1 , 3,4,3  e via discorrendo.

Dunque il caso Bonucci è ormai sotto gli occhi di tutti. I suoi ultimi difensori (che non possono e vogliono smentirsi) provano a sostenerne la causa questionando (timidamente ormai) che il calciatore è tenuto in considerazione nelle liste  dei premi internazionali (ieri è stato inserito nel TOP 11 dell’anno)  dove da sempre si impone la scuola dell’ovvio: nessuno se la sente di trovarsi in minoranza per cui si finisce per  segnalare lo scontato e chi gode di maggiori protezioni politico-sportive od economiche. Insomma vengono premiati i nomi più noti  e che vanno in gol.

Un esempio, Gianluigi Buffon è da decenni il miglior portiere al mondo (e lo ha dimostrato ancora  anche ad Udine) ma ha ottenuto ieri l’Award Fifa come miglior portiere dell’anno a due mesi dai 40 anni. Ma mai ha vinto il Pallone d’Oro o il premio assoluto di miglior giocatore Fifa (ritoccato ieri a Ronaldo) perché segna poco… e si limita solo a ad evitarli…!

Tornando al caso Bonucci. Si ha l’impressione che la gomitata al volto del genoano Rosi che ha comportato l’espulsione del capitano del Milan al 22’ del primo tempo, sia stata accolta in casa rossonera come una fortuna insperata.  

Il fatto che il Milan non abbia ricorso contro le due giornate di squalifica che impediscono anche la sua presenza al match contro la Juve sabato, la dice lunga in questo senso.

Può anche darsi che Fassone e soci abbiano deciso di dare un  esempio di sportività nei confronti del rispetto della Giustizia Sportiva!!. Molti ne dubitano. Piuttosto si ritiene  che, se nelle prossime due partite il Milan dovesse  dare  l’impressione di avere ritrovato sé stesso (specie nell'incontro contro la Juve sabato prossimo)  difficilmente ritroverà i gradi di capitano che aveva preteso alla firma del contratto.  Non solo, ma che molte partite del Milan le vedrà dalla panchina, oppure dalla tribuna dove fu relegato in febbraio a seguito della lite con Allegri.

Nel frattempo,  il Milan potrebbe  chiedere indietro alla Juve i 42 milioni versati per l’”affare”!!!!!

A parte ogni scherzo, se la vicenda dovesse svilupparsi positivamente, il Milan  dovrà rivolgere fervidi ringraziamenti all’operato dell’arbitro Piero Giacomelli che,  utilizzando la moviola  come tutti gli altri arbitri dovrebbero (e non stanno facendo), ha utilizzato il VAR per fare luce ad un episodio controverso. Giacomelli non è  quello che se non vede una cosa lascia perdere, confidando sull’intervento TV del Var, ma quello che consapevole di non avere a disposizione la capacità di vedere tutto, chiede l’intervento dell’occhio elettronico senza alcun pudore.  Bravo, dunque, il fischietto trentanovenne triestino a farsi questo bagno di umiltà ed a sancire il primo cartellino rosso diretto della TV elettronica.

Questo è il futuro del VAR come accade in tutti gli altri sport.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...