Menu
Giochi di magia matematica al Centrale Preneste di Roma

Giochi di magia matematica al Centr…

Un pomeriggio tutto parti...

La luce del Sole è l’ombra di Dio

La luce del Sole è l’ombra di Dio

È con piacere, anche se...

Serie A. Anticipo 8a giornata. Ombre azzurre

Serie A. Anticipo 8a giornata. Ombr…

Il Napoli e la Lazio si a...

Il top del calcio mondiale nel nuovo album della Panini

Il top del calcio mondiale nel nuov…

“Panini FIFA 365” è la nu...

News - Battisti - Prende corpo la nostra ipotesi.. Estradizione congelata

News - Battisti - Prende corpo la n…

Brasilia, 14 ottobre 2017...

Racconti di sport. Meroni

Racconti di sport. Meroni

Il 15 ottobre di 50 anni ...

Al Teatro Centrale Preneste la nuova stagione della Rassegna Infanzie in gioco

Al Teatro Centrale Preneste la nuov…

Roma, 13 ottobre 2017 - L...

Prev Next

L’Eusebio vittorioso

calcio di francesco roma 17Nessun tecnico passato dalla provincia alla panchina di una grande squadra, ha fatto meglio dell’attuale mister della Roma nelle prime 6 di campionato. Alla faccia di chi lo accolse con molto scetticismo.
Roma, 2 ottobre 2017 – Eusebio Di Francesco è un brav’uomo e un bravo allenatore. E i fatti lo dimostrano, alla faccia di chi (e sono tanti) a Roma lo accolse con molto scetticismo e tanti sorrisini stupidi. Perché Roma è così: si innamora dei grandi nomi e di chi fa le battute ad effetto e poco dei lavoratori seri, che parlano bene e producono molto. In 6 giornate (la Roma deve recuperare la partita contro la Sampdoria), comprese la difficile trasferta in casa dell’Atalanta e i due big-match con le milanesi, Di Francesco ha conquistato 15 punti, frutto di 5 vittorie e una sconfitta ed è diventato l’allenatore con il miglior rendimento dopo il passaggio da una provinciale ad una big.
Ha fatto meglio di Allegri, che nel 2010-2011 passò dal Cagliari al Milan raccogliendo 11 punti in 6 gare senza giocare big-match (vittorie con Lecce, Genoa e Parma, pareggi con Catania e Lazio, sconfitta a Cesena). Ha fatto meglio di Sarri nel 2015: 9 punti nelle prime 6: sconfitta col Sassuolo proprio di Di Francesco, pareggi con Samp, Empoli e Carpi, vittorie contro Lazio e Juve.
Ha fatto meglio di Spalletti, quello che ha conquistato meno punti di tutti dopo il salto da Udine a Roma: 8 nelle prime 6 gare, caso Cassano pronto ad esplodere e Rosella Sensi che voleva mandarlo via. Restò sulla panchina giallorossa per le buone intercessioni di Bruno Conti e Totti (pensa un po’, quando si dice la riconoscenza …), che convinsero la figlia del presidente a tenerlo. Poi Spalletti si riprese e con quella Roma vinse due coppe Italia e una Supercoppa, inventò Totti come finto nove e lo aiutò a vincere la Scarpa d’oro. Sfiorò uno scudetto e arrivò tra le prime otto d’Europa per due stagioni.
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...