Menu
Inaccettabile ingerenza negli affari interni del nostro Paese

Inaccettabile ingerenza negli affar…

Roma, 20 gennaio 2018 - L...

Flash - Pubblica Amministrazione. Due arresti per corruzione

Flash - Pubblica Amministrazione. D…

Avellino, 20 gennaio 2018...

Claretta Petacci. In Italia, sono donne solo quelle di sinistra. Le altre, possono essere considerate "maialA"

Claretta Petacci. In Italia, sono d…

Al grave insulto alla sua...

Lezioni private trasformate in abusi sulla minorenne. Insegnante arrestato

Lezioni private trasformate in abus…

Roma, 16 gennaio 2018 - È...

Teatro Quirino – “Dieci Piccoli indiani” di Agatha Christie con la regia di spagnolo Ricard Reguant

Teatro Quirino – “Dieci Piccoli ind…

L’isola della morte  Rom...

Racconti di sport - Il palo del Menti

Racconti di sport - Il palo del Men…

Memorie sportive attorno ...

E Nainggolan, ne vogliamo parlare….

E Nainggolan, ne vogliamo parlare….

Roma, 13 gennaio 2018 -...

Camorrista latitante, oppone resistenza all'arresto e punta pistola al Carabiniere. Altro militare gli salva la vita colpendolo e immobilizzandolo. VIDEO

Camorrista latitante, oppone resist…

Arrestati due fiancheggia...

Una sentenza predestinata ad arrivare “fuori tempo massimo”

Una sentenza predestinata ad arriva…

Roma, 12 gennaio 2018 - D...

L'ex sindaco Marino condannato in appello per gli scontrini

L'ex sindaco Marino condannato in a…

Roma, 12 gennaio 2018 - E...

Prev Next

Calcio. Troppa Spagna per l'Italia

calcio isco spagna italia 2017Gli azzurri perdono male al Bernabeu (3-0) e ora per la qualificazione si fa dura. Lo spareggio è sempre più probabile.

Roma, 2 settembre 2017 – Qui non si tratta di iniziare prima il campionato o di modulo di gioco. È che la Spagna, al momento, è più forte di noi. Punto.
Ci batte 3-0 con doppietta di Isco,  (nella foto, in gol su punizione al 13’ e con un tiro dal limite al 40’) e rete di Morata (77’) e meriterà di arrivare prima nel girone, costringendo l’Italia al playoff di spareggio con qualche altra seconda classificata come lei per arrivare al Mondiale di Russia del prossimo giugno. Un playoff che, sulla carta, potrà essere semplice o insidioso, ma che comunque nasconderà le insidie della doppia sfida ad eliminazione diretta. Dentro o fuori, a seconda dello stato di forma di chi lo giocherà, del momento psicologico dei singoli e degli infortuni. Troppe incognite. Evitarle, però, era complicato al Bernabeu, dove l’Italia non giocava addirittura dall’epica finale dei Mondiali dell’82, nella quale vinse il titolo battendo la Germania 3-1.
Altri tempi.
Oggi non ci sono più i Paolo Rossi, i Bruno Conti, gli Zoff, Gentile, Cabrini, Oriali, Scirea e Tardelli di allora.
Oggi c’è Buffon (che qualche incertezza di piazzamento ha avuto sui due gol spagnoli), ci sono De Rossi e Verratti (incapaci di contrastare la superiorità numerica degli iberici a centrocampo), ci sono Insigne, Immobile e Belotti, mai seriamente pericolosi.
La sconfitta, che arriva dopo 4 successi consecutivi, inguaia dunque il cammino degli azzurri di Ventura (male anche lui nelle sue scelte), che ora sono secondi nel girone con 3 punti in meno degli spagnoli e che martedì ospiteranno Israele. Il 6 ottobre, poi, riceveranno la Macedonia e il 9 ottobre chiuderanno in Albania (e gli albanesi, intanto, sono 4 punti sotto a noi). Le 3 vittorie sono possibili, ma anche la Spagna, probabilmente, ne farà altrettante contro il Liechtenstein (fuori), l’Albania (in casa) e Israele (in trasferta).
E a quel punto i giochi saranno fatti. Spagna prima e qualificata direttamente per la Russia, Italia seconda e destinata al playoff.
Speriamo di sbagliare pronostico a nostro favore.
Speriamo che l’Italia le vinca tutte e la Spagna no.
Tutto è sempre possibile. Ma al momento la situazione appare questa e la botta del Bernabeu è stata dura.
Ultima modifica ilDomenica, 03 Settembre 2017 06:22
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...