Menu
Serie A,  16a giornata 2017 - Frenano Napoli e Roma, ripresina Milan

Serie A, 16a giornata 2017 - Frena…

Roma, 10 dicembre 2017 - ...

Racconti di sport. Forza Roma, Forza Lando

Racconti di sport. Forza Roma, Forz…

“Forza Roma, Forza Lupi. ...

Serie A. 16a giornata. Tanto rumore per nulla

Serie A. 16a giornata. Tanto rumore…

L’attesissima e strombazz...

Addio al cantante-attore romano Lando Fiorini

Addio al cantante-attore romano Lan…

Roma, 09 dicembre 2017 - ...

Home ......Home

Home ......Home

dalla nostra corrispond...

Europa League. È grande Atalanta

Europa League. È grande Atalanta

I bergamaschi battono il ...

Grasso potrebbe disarcionare Renzi

Grasso potrebbe disarcionare Renzi

Roma, 7 dicembre 2017 - L...

Siccità e vento in nemici della California del Sud

Siccità e vento in nemici della Cal…

dalla nostra corrispond...

Champions League. Storia di un’eliminazione annunciata

Champions League. Storia di un’elim…

L’avventura del Napoli in...

Teatro Quirino – ‘Mariti e Mogli’ dal film di Woody Allen con Monica Guerritore e Francesca Reggiani

Teatro Quirino – ‘Mariti e Mogli’ d…

Giochi di coppia Per app...

Prev Next

Cinema Italian Style - INTERVISTE E FOTO ESCLUSIVE

cinema italian 1 styledalla nostra corrispondente da Los Angeles, Stella Santambrogio - SUE LE FOTO
Cinema Italian Style in collaborazione con AFI FEST ha creato un ponte tra Cinecittà e Hollywood. In occasione della celebrazione dell’ottantesimo anniversario di Cinecittà, è stata presentata  la nostra migliore produzione cinematografica con i film selezionati dalla curartice artistica del festival, Laura Delli Colli, e dal direttore della programmazione di American Cinematheque, Gwen Deglise.
Il festival ha dedicato quest’anno a Michelangelo Antonioni la visione dei suoi film  restaurati  “Deserto Rosso" e "Bow Up” presentati durante AFI FEST al Teatro Cinese ad Hollywood. I film italiani sono stati proiettati all' Egyptian Theatre e all' AeroTheatre in Santa Monica.
Alla presentazione del festival sul Black Carpet organizzato nel leggendario Hotel Roosevelt, Cinecittà ha  premiato l’attrice, Sarah Gadon, cittadina italiana e canadese, confermandone le sue qualità artistiche, con le Chiavi di Cinecittà .
 
L’espressiva Sarah Gadon, interprete della serie televisiva prodotta da Netflix  “Alias Grace”, ci ha detto “ Mi sento veramente onorata d’essere qui tra i filmmakers italiani e ricevere le Chiavi di Cinecittà, che gratificano le mie origini, ossia del ramo italiano della mia famiglia proveniente dall’Abruzzo . Sono molto legata all’Italia e durante i miei studi universitari, ho approfondito la mia conoscenza del cinema immergendomi nella produzione italiana e scoprendone i registi che l’hanno resa famosa nel mondo.”
 
Il regista  di “A Ciambra” Jonas Carpignano alla domanda “ Considerando la famosa frase scritta da Shakespare nel Giulio Cesare “ L’umiltà è il primo scalino del successo, lei, giovane regista, superpremiato con il suo film “A Ciambra”,   scelto a rappresentare l’Italia alla selezione degli Oscars, come si sente?”."Nulla è cambiato. Vivo sempre nello stesso posto. Sono nato a New York e cresciuto tra New York e Roma, da sette anni sono a Gioia Tauro, in Calabria, e non mi sento diverso per i premi ricevuti, anzi, direi che questa scelta di rappresentare l’Italia con “A Ciambra” alla selezione per gli Oscars 2018, mi stupisce molto. La ragione è l'aver girato precedentemente il film “Mediterranea”, mai distribuito in Italia e completamente ignorato, rigirato con gli stessi attori , stessa storia  ma con un titolo diverso “A Ciambra”, accade il miracolo, inspiegabile” “Perchè questa tua passione per il cinema” “ È una, si fa per dire, maledizione di famiglia . Mio nonno era regista e produttore di caroselli, nell’epoca in cui andavano per la maggiore, il mio pro-zio era il regista Luciano Emmer, dunque in famiglia si è sempre parlato di cinema. Pane, olio e cinema.
 
Francesco Bruni, ci ha detto “ Non è il mio primo viaggio in California ma sono felice di questa bella occasione, d’essere a Los Angeles come regista per presentare e promuovere il mio film  “Tutto quello che vuoi”. Mi auguro di trovare una distribuzione
 
I Manetti Bros., Marco e Antonio, intervistati, sprizzano il buon umore napoletano anche  sorridendo. Sono al festival  presentare il loro film “ Amore e Malavita”, ci dicono che è considerato il ”Na Na Land” italiano,  in quanto la storia è Na, napoletana e sottolinea il senso dell’umorismo tipico di Napoli condito con musica, sfatando le situazioni malavitose in un musical napoletano.
 
Andrea De Sica, decisamente con un imprint artistico, si è fatto un’ottima esperienza come assistente di ottimi registi italiani, incluso Bernardo Bertolucci. Dopo aver diretto molti shorts film e documentari, propone al Los Angeles  il suo primo lungometraggio “I Figli della Notte”. Ci ha detto “Non posso negare la mia discendenza, mio nonno è Vittorio De Sica. Il mio film “I Figli della Notte” ha ottenuto un buon successo in Italia ed ho buone possibilità qui, d’avere una distribuzione con HBO. Con la venuta di molte compagnie americane in Italia,  la produzione italiana  ha buone opportunità di trovare distribuzione internazionale.
 
Laura Delli Colli da qualche anno curatrice artistica del Festival Italian Style ci spiega come  avrebbe avuto il piacere di scegliere il film di Carpignano da inviare alla selezione per gli Oscar, ma non lo ha potuto fare in quanto la decisione è stata  una scelta di una commissione italiana.
"Siamo tutti felicissimi”- ha detto - “di avere il film di Carpignano ad inaugurare la 13esima edizione del Cinema Italian Style. Quest’anno sono presente al festival anche come autrice di un libro di cucina, Bread Love and Dreams, The taste of Italian Cinema. In realtà ne ho scritti molti, tutti libri legati al cinema e poichè sono una appassionata di entrambi,13 anni fa ho iniziato a mettere insieme un link tra il cinema e la cucina perchè m’incuriosiva guardare i film e capire cosa c’insegna il cinema quando ci fa vedere, per esempio, una scena, una sequenza o anche solo un passaggio che diventa fondamentale per renderci conto  dove siamo o in che epoca viviamo e il rapporto tra territorio e prodotti.Direi che cinema e mangiare, sono un biglietto da visita straordinario per l’eccellenza italiana. Per esempio, se pensiamo al modo in cui la cucina è stata rappresentata nel cinema cominciando dal dopoguerra. Il cinema racconta la povertà della vita quotidiana come neppure la possiamo capire, attraverso i libri di storia. Nei film del dopoguerra  la povertà in cucina la vediamo  sulla tavola dove troviamo solo zuppe, minestre...  nel film il “Ferroviere” si presenta un fiasco di vino,  già una grande ricchezza. Allora si viveva di borsa nera.All’inizio degli anni 50, nei film arriva anche la pasta e Sofia Loren ci racconta un aneddoto divertente sulla storia della pasta alla carbonara che si preparava in una zona dove lavoravano i carbonari, dove andavano a mangiare durante le riprese del film , “La Ciociara”. Quella pasta piaceva molto ai soldati americani perchè ricordava loro gli ingredienti del tipico breakfast americano. Negli anni sessanta il cinema presenta il benessere sulle tavole di casa, nei ristoranti. Cambiano le epoche, sulle tavole nei film  arriva l’opulenza con Tognazzi e Fellini. Perciò cinema e cucina ci raccontano la nostra storia di vita e tante sono le curiosità che  sarebbero da scoprire.”
Ultima modifica ilSabato, 02 Dicembre 2017 21:20
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...