Menu
Aeroporto “Leonardo Da Vinci”. Arrestati tre funzionari. Autorizzavano ingiustamente rimborso Iva a cittadini extracomunitari. Indagini su altri 24

Aeroporto “Leonardo Da Vinci”. Arre…

Bloccate circa 40.000 fat...

Teatro Eliseo – ‘Il Penitente’ di David Mamet con Luca Barbareschi

Teatro Eliseo – ‘Il Penitente’ di D…

Il perfetto capro espiato...

Rugby - Parisse: “Battere i Pumas vale l’impresa con gli Springboks”

Rugby - Parisse: “Battere i Pumas v…

Domani alle 15 gli Azzurr...

È morto il boss dei boss. Riina aveva 87 anni

È morto il boss dei boss. Riina ave…

Roma, 17 novembre 2017 - ...

Italia: finalmente l'Inno Nazionale - TESTO COMPLETO

Italia: finalmente l'Inno Nazionale…

A costo ZERO, impiegati 7...

Calcio. Addio Ventura, ma Tavecchio? Resta!

Calcio. Addio Ventura, ma Tavecchio…

Il CT esonerato da Tavecc...

Ricominciamo da Buffon

Ricominciamo da Buffon

Roma, 14 novembre 2017 ...

Una gita a … Morimondo e la sua Abbazia

Una gita a … Morimondo e la sua Abb…

L’atmosfera del “Nome del...

Mondiali... Eliminati!

Mondiali... Eliminati!

(foto Ansa) La Svezia in...

Terremoti: di magnitudo 7.2 con almeno 61 morti e 300 feriti al confine tra Iran e Iraq. Di magnitudo 6.7 in Costa Rica

Terremoti: di magnitudo 7.2 con alm…

Roma, 13 novembre 2017 - ...

Prev Next

Cinque rapinatori arrestati nel corso della rapina. Smantellata intera banda - VIDEO

autoradio cc ps 2016Roma, 08 novembre 2017 - Giornata particolarmente movimentata quella di ieri a Tivoli che ha visto personale del Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Roma e della Squadra Mobile della Polizia di Stato, al termine di attività antirapina e un brillante quanto rocambolesco e concitato intervento, sventare una rapina in banca smantellando nel contempo una pericolosa banda di rapinatori composta da cinque persone.

Nelle prime ore della mattinata di ieri, Carabinieri e Poliziotti avevano iniziato l'attività di pedinamento di alcuni pregiudicati  romani, che facendo uso di parrucche, occhiali e cappelli, si erano travisati per consumare una rapina all’interno di un istituto di credito in località Villa Adriana a Tivoli (Roma).

Mentre uno dei rapinatori si era già posizionato all’interno della filiale fingendosi in attesa davanti alla cassa,   un secondo rapinatore si apprestava ad entrare nella banca, ambedue con indosso delle fascette stringi-cavo e dei coltelli, pronti da utilizzare per minacciare ed immobilizzare clienti e dipendenti dell’istituto di credito.

Gli investigatori bloccavano i due prima che potessero reagire e creare situazioni di pericolo verso gli inermi cittadini.

All'esterno, altri due complici travisati e posizionati davanti alla banca con il ruolo di “pali” a bordo di un’autovettura rubata, avendo assistito alla scena, tentavano di  guadagnare repentinamente la fuga, investivano un carabiniere che provava ad arrestarne invano la marcia.

La corsa dei malviventi veniva però interrotta poco più avanti da due equipaggi della polizia che, posizionati a breve distanza dalla banca, sebbene avessero intimato l’alt all’autovettura che procedeva ad elevata velocità, riuscivano a sbarrare la strada frapponendo i loro mezzi.

Il passeggero rapinatore, vistosi braccato, estraeva una pistola armandola per fare fuoco.  I Carabinieri ed i Poliziotti intervenuti,  esplodevano alcuni colpi di pistola  a scopo intimidatorio, riuscendo così a far desistere l'uomo dallo sparare,  bloccando  e ammanettando i due. Nell’immediatezza, venivano sequestrate indosso ai due malviventi, due pistole con matricola abrasa munite dei rispettivi caricatori e pronte all’uso.

Indanto, due pattuglie del Nucleo Radiomobile dei Carabinieri di Roma e della Squadra Mobile, dopo un lungo inseguimento in auto,  riuscivano a bloccare sul Grande Raccordo Anulare all’altezza dell’uscita di Tor di Quinto, un quinto complice che si era dato alla fuga a bordo dell’autovettura a lui in uso, il quale aveva le mansioni di garantire la copertura via radio attraverso l’ascolto delle frequenze delle Forze dell’Ordine, al fine di allertare i complici circa eventuali segnalazioni di rapina in atto.

Le immediate perquisizioni effettuate sul posto e presso le abitazioni degli arrestati, consentivano di sequestrare altre armi ed ulteriore materiale per il travisamento, nonché numerosi telefoni cellulari e schede “dedicate” utilizzate probabilmente per altre rapine consumate nell’anno in corso a Roma, della quali sono fortemente sospettati.

La banda smantellata era composta da O. F., di 50 anni, M. M. O.C. entrambi di 46 anni, tutti romani con precedenti per reati contro il patrimonio,P. G., 41enne incensurato romano, e C.S. di 46 anni con precedenti in materia di stupefacenti, alcuni tra i quali gravitanti negli ambienti degli ultrà di una squadra della Capitale ed un poliziotto attualmente sospeso dal servizio.

Tutti gli arrestati, ai quali sono contestati a vario titolo i reati di tentato omicidio, tentata rapina pluriaggravata in concorso, porto e detenzione di armi clandestine, lesioni e ricettazione, al termine degli atti di rito sono stati associati sia presso le Case Circondariali di Regina Coeli e di Rebibbia, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Gli investigatori sono ora impegnati ad accertare se le armi sequestrate siano state usate per la consumazione di altri reati.

Ultima modifica ilMercoledì, 08 Novembre 2017 23:16
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...