Menu
Aeroporto “Leonardo Da Vinci”. Arrestati tre funzionari. Autorizzavano ingiustamente rimborso Iva a cittadini extracomunitari. Indagini su altri 24

Aeroporto “Leonardo Da Vinci”. Arre…

Bloccate circa 40.000 fat...

Teatro Eliseo – ‘Il Penitente’ di David Mamet con Luca Barbareschi

Teatro Eliseo – ‘Il Penitente’ di D…

Il perfetto capro espiato...

Rugby - Parisse: “Battere i Pumas vale l’impresa con gli Springboks”

Rugby - Parisse: “Battere i Pumas v…

Domani alle 15 gli Azzurr...

È morto il boss dei boss. Riina aveva 87 anni

È morto il boss dei boss. Riina ave…

Roma, 17 novembre 2017 - ...

Italia: finalmente l'Inno Nazionale - TESTO COMPLETO

Italia: finalmente l'Inno Nazionale…

A costo ZERO, impiegati 7...

Calcio. Addio Ventura, ma Tavecchio? Resta!

Calcio. Addio Ventura, ma Tavecchio…

Il CT esonerato da Tavecc...

Ricominciamo da Buffon

Ricominciamo da Buffon

Roma, 14 novembre 2017 ...

Una gita a … Morimondo e la sua Abbazia

Una gita a … Morimondo e la sua Abb…

L’atmosfera del “Nome del...

Mondiali... Eliminati!

Mondiali... Eliminati!

(foto Ansa) La Svezia in...

Terremoti: di magnitudo 7.2 con almeno 61 morti e 300 feriti al confine tra Iran e Iraq. Di magnitudo 6.7 in Costa Rica

Terremoti: di magnitudo 7.2 con alm…

Roma, 13 novembre 2017 - ...

Prev Next

Con messaggi pubblicitari e offerte speciali, aggiornavano i tossicodipendenti. 18 gli arrestati. Decine di perquisizione

cc retata notte 1Roma, 24 ottobre 2017 – Dalle prime luci dell’alba, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Frascati stando dando esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare e perquisizioni domiciliari,  emessa dal GIP del Tribunale di Roma su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 18 persone, appartenenti a un’organizzazione criminale dedita al narcotraffico, radicata a Roma, con base operativa e logistica in località Borghesiana, un territorio “cuscinetto” tra le storiche borgate di Tor Bella Monaca e Tor Vergata.

A capo della banda, due fratelli di origine partenopea.  L'organizzazione era gerarchizzata e con "turni di lavoro", impiegando nello spaccio, pusher e giovani vedette.

Le indagini dei Carabinieri hanno messo a fuoco le varie responsabilità, accertando e documentandone l'attività. I pusher erano persino dotati di telefoni cellulari dedicati, con i quali inviavano ai vari clienti messaggi pubblicitari firmati “gli amici di Finocchio”, aggiornandoli sulla disponibilità di stupefacente, cocaina, o su offerte "promozionali" per nuovi prodotti.

Al fine di  rendere più difficoltosa l'attività investigativa e repressiva delle Forze dell'Ordine, lo smercio era organizzato in modo tale da risultare “itinerante” e l’organizzazione prevedeva anche l’assistenza legale dei propri sodali in caso di arresto durante l’attività di spaccio. Per "invogliare alla produzione", i  guadagni per gli spacciatori erano  direttamente proporzionali alle vendite e al ruolo rivestivo in seno all’organizzazione.

A fine giornata, il ricavato dell’attività di spaccio veniva poi consegnato ai due promotori che, in caso di rendicontazione errata, infliggevano vere e proprie punizioni corporali.  

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...