Menu

Lotta alla droga nei quartieri di Tufello e Fidene

ps fidene droga targaRoma, 12 settembre 2017 - È incessante la lotta al traffico di stupefacenti condotta dagli uomini del Commissariato Fidene-Serpentara, diretto dal Dott. Francesco Maria Bova.
 
Gli instancabili investigatori, solo due giorni fa, avevano notato G.G., romano di 61 anni, a bordo di un’autovettura parcheggiata in via Monte Ruggero, al Tufello. Insospettiti, si ponevano in osservazione e potevano così vedere arrivare il figlio,  G.D. di  21 anni, al quale consegnava una busta. Gli Agenti intervenivano e G.D.  fuggiva a piedi all’interno dei cortili condominiali ma veniva raggiunto e bloccato. All’interno della busta, vi erano  3 panetti di hashish per un peso complessivo di 300 grammi. Padre e figlio, venivano arrestati per " detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti" e posti a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.
 
Sempre in via Monte Ruggero e per lo stesso reato, i Poliziotti arrestavano M.H.G. e A.M.. M.H.G. sostava nei pressi di una scaletta di accesso ai giardini condominiali  venendo  avvicinato da più persone alle quali  cedeva dosi di cocaina in cambio di denaro. L’incasso, lo  consegnava di volta in volta ad A.M. che, durante la perquisizione è stato trovato in possesso di 480 euro.
 
Ma nonostante i gravosi impegni, gli investigatori  del Commissariato riuscivano a tenere sotto osservazione T.D., romano 40enne, la cui abitazione era oggetto di frequentazioni di tossicodipendenti.
Così, ieri, i Poliziotti di Fidene sono riusciti ad entrare, inosservati, nel palazzo dove abitava T.D.. Una breve sosta davanti alla porta di casa, permetteva di avvertire l'acre odore di droga. Gli Agenti riuscivano a entrare nell'appartamento e, sul tavolo in soggiorno, notavano del materiale solitamente usato per il confezionamento delle dosi ed un bilancino di precisione.
Immediata l'accurata  perquisizione dell'appartamento.  In un pensile della camera da pranzo, gli attenti Poliziotti riuscivano a trovare ben nascoste, 28 tavolette di hashish e circa 1 etto di marijuana per un peso complessivo di Kg. 1,700, la somma di  400 euro e due fogli di carta sui quali erano riportati nomi ed importi di denaro, che costituiranno oggetto di indagine. Mentre il tutto veniva sequestrato, per T.D., si sono così aperte le porte del carcere di Regina Coeli dovendo rispondere di " detenzione, ai fini di spaccio,  di sostanze stupefacenti".
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...