Menu
News - Messico, oltre 150 le vittime del terremoto. Crollo di un collegio. Morti 20 bambini.  38 dispersi

News - Messico, oltre 150 le vittim…

(foto Ansa/Epa) Roma, 20...

Serie a - La VAR aiuta ancora l’Inter

Serie a - La VAR aiuta ancora l’Int…

Nell’anticipo del turno i...

Rischioso fare i conti senza l’oste

Rischioso fare i conti senza l’oste

Roma, 19 settembre 2017 -...

Cosa succede nella Capitale? Tedesca legata e violentata  nel parco di Villa Borghese. Terzo caso in tre giorni

Cosa succede nella Capitale? Tedesc…

Roma, 18 settembre 2017...

Serie A,  4a giornata 2017 - Prime fughe in serie A

Serie A, 4a giornata 2017 - Prime …

Roma, 17 settembre 2017...

Tenta di incendiare il portone del Comune. Indagini sulle motivazioni. Fermato

Tenta di incendiare il portone del …

Cesinali (AV) 17 settembr...

Racconti di sport. Voltati Eugenio

Racconti di sport. Voltati Eugenio

Roma, 17 settembre 2017  ...

Serie A - Anticipo 4a giornata

Serie A - Anticipo 4a giornata

(foto Lapresse) Roma, 16...

La stagione della IUC

La stagione della IUC

Una tavolozza di tinte ac...

Gli ungheresi di Roma e Lazio

Gli ungheresi di Roma e Lazio

Una bella mostra dell’Acc...

Prev Next

Corea del Nord: alla pronta reazione di Trump, dichiara "prima di sparare osservo azioni Usa"

batterie antimissiliRoma, 15 agosto 2017 - ore 06:04 NEWS - La pronta e decisa reazione di Trump alle minacce di Kim Jong-un di un attacco a ferragosto contro la base americana di Guam, ha messo in crisi il gradasso dittatore coreano.

Infatti, il dislocamento di forze e mezzi americani in grado di eliminare qualsiasi missile  lanciato da Pyongyang,  con le parole di "fuoco e fiamme" sulla Corea del Nord, ha indotto Kim a dire nella riunione con suoi ufficiali "gli imperialisti Usa hanno il cappio al collo" ma che "nonostante sia pronto a far fuoco in qualsiasi momento, osserverò prima ancora un po' il comportamento degli Usa".

Riporta alla mente il comportamento del defunto leader libico Muammar Gheddafi. Dopo una serie di attacchi terroristici  agli aeroporti di Roma e Vienna con 19 morti e 140 feriti, con Gheddafi che dichiarava il sostegno verso i terroristi libici. Il

5 aprile 1986 agenti libici compirono l'attentato alla discoteca La Belle di Berlino, frequentata dagli americani,  uccidendo tre persone e ferendone 229 tra i presenti nel locale. Il presidente americano Ronald Reagan, avute le prove attraverso la trascrizione dei telegrammi inviati da agenti libici implicati nell'attacco, ordinò per il 14 aprile un attacco aereo in Libia contro Gheddafi, il quale  si salvò solo grazie ad una telefonata dell'allora presidente del consiglio italiano  Craxi, che lo informò dell'attacco. Da allora, però, Muammar Gheddafi limitò le sue spavalderie... 

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...