Menu
Serie A,  16a giornata 2017 - Frenano Napoli e Roma, ripresina Milan

Serie A, 16a giornata 2017 - Frena…

Roma, 10 dicembre 2017 - ...

Racconti di sport. Forza Roma, Forza Lando

Racconti di sport. Forza Roma, Forz…

“Forza Roma, Forza Lupi. ...

Serie A. 16a giornata. Tanto rumore per nulla

Serie A. 16a giornata. Tanto rumore…

L’attesissima e strombazz...

Addio al cantante-attore romano Lando Fiorini

Addio al cantante-attore romano Lan…

Roma, 09 dicembre 2017 - ...

Home ......Home

Home ......Home

dalla nostra corrispond...

Europa League. È grande Atalanta

Europa League. È grande Atalanta

I bergamaschi battono il ...

Grasso potrebbe disarcionare Renzi

Grasso potrebbe disarcionare Renzi

Roma, 7 dicembre 2017 - L...

Siccità e vento in nemici della California del Sud

Siccità e vento in nemici della Cal…

dalla nostra corrispond...

Champions League. Storia di un’eliminazione annunciata

Champions League. Storia di un’elim…

L’avventura del Napoli in...

Teatro Quirino – ‘Mariti e Mogli’ dal film di Woody Allen con Monica Guerritore e Francesca Reggiani

Teatro Quirino – ‘Mariti e Mogli’ d…

Giochi di coppia Per app...

Prev Next

È morto il boss dei boss. Riina aveva 87 anni

Totò RiinaRoma, 17 novembre 2017 - Ha resistito per compiere 87 anni (era nato il 16 novembre 1930) Totò Riina, soprannominato "u curtu" (per la sua altezza) o "la belva" (per la sua ferocia), morto questa notte alle 3.37 nel reparto detenuti dell'ospedale di Parma.

Nelle scorse settimane, era stato operato due volte, entrando in coma la seconda volta.

Latitante dal 1969, venne arrestato dai Carabinieri del Ros il 15 gennaio del 1993 a Palermo, davanti alla sua villa in via Bernini 54, insieme al suo autista.

"La Belva", aveva raggiunto il vertice della mafia, spazzando via con le armi, anche personalmente, la vecchia gerarchia mafiosa e tutti gli avversari che si frapponevano al suo potere di capo indiscusso di "Cosa Nostra" come i boss delle famiglie non allineate quale “don Piddu” Panno di Casteldaccia e poi il palermitano Stefano Bontate con i loro uomini, diventando e mantenendo il potere anche dal carcere.  Da lì,  indirizzava le strategie economiche e di abbattimento, senza scrupoli, di tutti gli ostacoli ai suoi disegni criminosi, tanto da meritare le condanne a numerosi ergastoli.

Fra le migliaia di omicidi imputati a Totò Riina, l'uccisione di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, e i poliziotti addetti alla loro scorta, l'uccisione di Michele Reina, Pio La Torre, Piersanti Mattarella, il prefetto Generale  Carlo Alberto Della Chiesa e la giovane moglie Emmanuela Setti Carraro con  l'agente di scorta Domenico Russo; l'autobomba che uccise il consigliere istruttore Rocco Chinnici e i carabinieri che lo proteggevano, Boris Giuliano capo della Squadra mobile di Palermo.

Riina ha però sempre negato il coinvolgimento nella strage di via D'Amelio, dove morirono Borsellino  e la sua scorta.

Con la morte, ha portato con se  nella tomba i veri segreti della mafia con  le sue coperture politiche.

Ultima modifica ilVenerdì, 17 Novembre 2017 07:54
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...