Menu
Aeroporto “Leonardo Da Vinci”. Arrestati tre funzionari. Autorizzavano ingiustamente rimborso Iva a cittadini extracomunitari. Indagini su altri 24

Aeroporto “Leonardo Da Vinci”. Arre…

Bloccate circa 40.000 fat...

Teatro Eliseo – ‘Il Penitente’ di David Mamet con Luca Barbareschi

Teatro Eliseo – ‘Il Penitente’ di D…

Il perfetto capro espiato...

Rugby - Parisse: “Battere i Pumas vale l’impresa con gli Springboks”

Rugby - Parisse: “Battere i Pumas v…

Domani alle 15 gli Azzurr...

È morto il boss dei boss. Riina aveva 87 anni

È morto il boss dei boss. Riina ave…

Roma, 17 novembre 2017 - ...

Italia: finalmente l'Inno Nazionale - TESTO COMPLETO

Italia: finalmente l'Inno Nazionale…

A costo ZERO, impiegati 7...

Calcio. Addio Ventura, ma Tavecchio? Resta!

Calcio. Addio Ventura, ma Tavecchio…

Il CT esonerato da Tavecc...

Ricominciamo da Buffon

Ricominciamo da Buffon

Roma, 14 novembre 2017 ...

Una gita a … Morimondo e la sua Abbazia

Una gita a … Morimondo e la sua Abb…

L’atmosfera del “Nome del...

Mondiali... Eliminati!

Mondiali... Eliminati!

(foto Ansa) La Svezia in...

Terremoti: di magnitudo 7.2 con almeno 61 morti e 300 feriti al confine tra Iran e Iraq. Di magnitudo 6.7 in Costa Rica

Terremoti: di magnitudo 7.2 con alm…

Roma, 13 novembre 2017 - ...

Prev Next

La "droga del combattente" per finanziare il terrorismo islamico. Sequestrate compresse per 50 milioni di euro

gdf reggio calabriaReggio Calabria 3 novembre 2017  - Era sbarcato nel porto di Gioia Tauro un anonimo  carico proveniente dall'India e diretto in Libia.

Ma l'arrivo, non è sfuggito agli attenti Finanzieri del Comando Provinciale reggino affiancati  dall’Ufficio Antifrode della Dogana di Gioia Tauro.

Dalle complesse indagini, è emerso trattarsi di oltre 24 milioni di compresse di tramadolo, una sostanza oppiacea sintetica, il cui uso è stato ripetutamente accertato negli scenari di guerra mediorientali, tanto da essere soprannominato “droga del combattente”, essendo questo utilizzato sia come eccitante, sia per aumentare le capacità di resistenza allo sforzo fisico. Ogni pastiglia, sul mercato nero del Nord Africa e Medio Orientale, viene venduta a circa 2 euro, per un valore complessivo di circa 50 milioni di euro.

Le Fiamme Gialle  hanno informato la Procura della Repubblica di Reggio Calabria diretta dal Procuratore  Federico Cafiero De Raho - Sezione Antiterrorismo della Direzione Distrettuale Antimafia - che sta coordinando le complesse indagini, ancora in corso e che si avvalgono della preziosa collaborazione della D.E.A. americana e della Direzione Centrale dei Servizi Antidroga presso il Ministero dell’Interno e del supporto del Comando Generale della Guardia di Finanza, disponendo il sequestro dell'ingente quantitativo di  droga rinvenuta.

L'indagine si collega con l'operazione  condotta lo scorso maggio dal  II Gruppo della Guardia di Finanza di Genova che aveva proceduto ad un analogo sequestro nel porto del capoluogo ligure.

Secondo le informazioni condivise con fonti investigative estere, il traffico di tramadolo sarebbe gestito direttamente dall’IS (DAESH), al fine di finanziare le attività terroristiche che l’organizzazione pianifica e realizza in ogni parte del mondo e che parte dei proventi illeciti derivanti dalla vendita di tale sostanza, sarebbero destinati a sovvenzionare gruppi di eversione e di estremisti operanti in Libia, in Siria ed in Iraq. 

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...