Menu
Parenti albanesi ladro, a bocca asciutta. Archiviata accusa omicidio

Parenti albanesi ladro, a bocca asc…

Questa volta non ha funzi...

Flash  - San Giorgio a Cremano: offensiva al "clan Troia". 38 arresti

Flash - San Giorgio a Cremano: off…

Roma, 12 dicembre 2017 - ...

Serie A,  16a giornata 2017  - Lazio matata, ma la VAR?

Serie A, 16a giornata 2017 - Lazi…

Roma, 11 dicembre 2017 - ...

Calcio. Buon sorteggio per le italiane

Calcio. Buon sorteggio per le itali…

L’urna è benevola con le ...

Serie A,  16a giornata 2017 - Frenano Napoli e Roma, ripresina Milan

Serie A, 16a giornata 2017 - Frena…

Roma, 10 dicembre 2017 - ...

Racconti di sport. Forza Roma, Forza Lando

Racconti di sport. Forza Roma, Forz…

“Forza Roma, Forza Lupi. ...

Serie A. 16a giornata. Tanto rumore per nulla

Serie A. 16a giornata. Tanto rumore…

L’attesissima e strombazz...

Addio al cantante-attore romano Lando Fiorini

Addio al cantante-attore romano Lan…

Roma, 09 dicembre 2017 - ...

Home ......Home

Home ......Home

dalla nostra corrispond...

Europa League. È grande Atalanta

Europa League. È grande Atalanta

I bergamaschi battono il ...

Prev Next

Caporalato. Paga in base al colore della pelle. Arrestati due italiani - VIDEO

cc retata notte 1Paola, 22 settembre 2017 - Non era sfuggita all'attenzione dei Carabinieri della Stazione di Amantea la presenza di operai di varie nazionalità che lavoravano presso un’azienda agricola del posto, di proprietà di due fratelli.

I militari dell'Arma, sotto la direzione del Sostituto Procuratore titolare del fascicolo, Dott.sa Anna Chiara Fasano e il coordinamento del Procuratore Capo della Repubblica di Paola, Dott. Pierpaolo Bruni, hanno accertato che i lavoratori erano di fatto rifugiati, principalmente provenienti dalla Nigeria, Gambia, Senegal e Guinea Bissau ed erano ospitati principalmente  nel Centro di Accoglienza “Ninfa Marina”. Gli stessi venivano prelevati e riaccompagnati al termine del lavoro,  in una strada parallela al Centro di Accoglienza. I rifugiati, lavorano i campi assieme ad altri lavoratori stranieri provenienti principalmente dalla Romania e dall’India.

I militari dell'Arma accertavano che, incredibilmente, la paga variava in base al colore della pelle e cioè i “bianchi” avevano diritto a 10 euro in più degli africani (i primi prendevano 35 euro al giorno mentre i secondi venivano pagati solo 25), ovviamente tutto in nero.

Emergevano altresì le condizioni di lavoro degradanti a cui erano sottoposti i lavoratori in nero: dormivano in baracche, mangiavano a terra e erano sottoposti a stretta e severa sorveglianza da parte dei due fratelli arrestati

La completa e copiosa documentazione raccolta dai Carabinieri, consentiva alla Procura della Repubblica di richiedere ed ottenere dal Giudice per le Indagini Preliminari Tribunale di Paola, dott.ssa Maria Grazia Elia, due misure cautelari a carico dei due fratelli, dovendo rispondere dell'accusa di  "intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, aggravati dalla discriminazione razziale". Il provvedimento prevede anche il sequestro preventivo dell’azienda e di altri beni mobili registrati di proprietà degli arrestati.

Alle prime luci dell'alba, i Carabinieri della Compagnia di Paola hanno eseguito i provvedimenti dell'Autorità Giudiziaria procedendo all'arresto ed al sequestro a carico dei due fratelli, che sono stati posti a disposizione della Magistratura mandante.

Ultima modifica ilVenerdì, 22 Settembre 2017 12:43
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...