Menu
La Cina ha varato la sua prima portaerei fatta in casa

La Cina ha varato la sua prima port…

Roma, 26 aprile 2017 - ...

Vorrei……. - sonetto romano

Vorrei……. - sonetto romano

                   (foto...

Serie A, 33a giornata -  Quattro squilli Roma, Pescara aritmeticamente in B

Serie A, 33a giornata - Quattro sq…

Roma, 24 aprile 2017 - Mi...

Arrestato a Torino marocchino  indagato per reati con finalità di terrorismo internazionale

Arrestato a Torino marocchino inda…

Clandestino in Italia dal...

Finalmente  calcio ! Mai tanti gol. Cinesi sconfitti

Finalmente calcio ! Mai tanti gol.…

Roma, 24 aprile 2017 - L’...

Borseggiatrice da Guinness dei primati: 25 anni di età ed arrestata 44 volte.

Borseggiatrice da Guinness dei prim…

Sbaglia lei o sono le m...

Teatro Quirino – Il Borghese di Molière con Emilio Solfrezzi

Teatro Quirino – Il Borghese di Mol…

Ambita nobiltà Al Teatro...

Serie A, 33a giornata - Risultati e classifica - Ricordiamo Scarponi

Serie A, 33a giornata - Risultati e…

Solita Juventus, golead...

Caos nella sinistra per  la ricorrenza del 25 aprile

Caos nella sinistra per la ricorre…

Le ferite prodotte dalla ...

Francia: In Spagna, dopo le bombe, nel 2004 vinse Zapatero che ritirò, con loro vergogna, i soldati dall'Afghanistan

Francia: In Spagna, dopo le bombe, …

...  ma nessuno gridò all...

Prev Next

Torino - Sequestrate 10 tonnellate di falso argento e pietre preziose, per un valore di 3 milioni di euro

gdf torino argento falsoTorino,  18 aprile 2017 - Non è sfuggita all'attento controllo delle Fiamme Gialle di Torino la qualità  di cornici portafoto, elementi d’arredo di lusso, vassoi e teiere  marcati “Silver” o “Silver Plated” , da intendersi Argento ovvero placcati con lo stesso metallo nobile, etichettati con “Made in Italy” ed  esposti in vendita in numerosi  esercizi commerciali in Piemonte e Lombardia.
Gli investigatori, coordinati dalla Procura della Repubblica di Torino – Pool Tutela del Consumatore, hanno  effettuato  specifici esami su alcuni "pezzi"presso il Laboratorio Chimico dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli di Torino. La risposta dei chimici,  convalidava il sospetto dei Baschi Verdi piemontesi e cioè che si trattava di prodotti composti da Ferro, Rame o addirittura da leghe assai meno nobili. Inoltre, essendo gli stessi oggetti composti da ferro,  saranno soggetti a ruggine fin dai primi trattamenti pulenti; a tutto ciò si aggiunge che in alcuni casi, addirittura, il consumatore finale viene esposto a contatto con Nichel, che potrebbe creare condizioni favorevoli alla manifestazione di allergie. Dell’argento, comunque, non ne è risultata traccia.
Nonostante le difficoltà adottate per sviare le indagini, i Finanzieri hanno effettuato una serie di controlli incrociati riuscendo a  ricostruire l’intera filiera produttiva interamente di matrice cinese e nord africana che, da anni, commercializzava detti prodotti tutti importati dal Belgio, dalla Svizzera oppure dalla Repubblica Popolare Cinese, falsamente etichettati con “Made in Italy”. In Italia, il falso argento veniva poi distribuito  tra il Piemonte e la Lombardia. In particolare,  Torino città e attività commerciali con sede a  Grugliasco, La Loggia, Settimo Torinese, Rivarolo Canavese, Cuorgnè, Montalto Dora, Burolo, San Mauro Torinese ed infine Melegnano (MB) e San Giuliano Milanese (MB), identificando 29 persone che sono state denunciate all'Autorità Giudiziaria per "frode in commercio e vendita di prodotti con indicazioni di qualità, di origine o provenienza false ".
La Magistratura, su richiesta, ha disposto 30 perquisizioni in varie località, prevalentemente a Torino e provincia ma anche nel Milanese, presso  i punti individuati dai Finanzieri che, nel corso dell'atto di polizia giudiziaria, hanno sequestrato oltre 60.000 elementi d’arredo falsamente etichettati in argento, dieci le tonnellate del "prezioso metallo" per un valore che si aggira intorno ai 3 milioni di euro.
Nel corso delle attività i Finanzieri hanno inoltre sequestrato migliaia di monili, collane e braccialetti composti da pietre dure semi-preziose spacciate per “Turchese”, “Perle” o “Quarzo Ialino”, quest’ultimo noto perché molto utilizzato nella pratica della “Cristalloterapia”, di fatto, poi, risultate  essere pietre di fiume verniciate, ovvero plastica o residui della fusione del vetro.
Gli investigatori, stanno ora indagando per accertare se fra le due provenienze vi è un legame e poter, altresì, dimostrare l'esistenza di un'associazione a delinquere fra "fornitori" e "rivenditori".
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...